Pe lancia Premio del cittadino europeo 2020, Covid tra i temi

Associazioni e singoli cittadini presentano progetti entro 30/6

Redazione ANSA

BRUXELLES - Valorizzazione dello spirito europeo, comprensione e cooperazione fra i cittadini degli Stati membri, divulgazione di valori come dignità, uguaglianza, giustizia, solidarietà e libertà. Sono questi i principali temi oggetto del Premio del Cittadino europeo a cui, per l'edizione 2020, si affianca la lotta al Covid-19. Lo rende noto il Parlamento Ue in un comunicato. L'Europarlamento invita i cittadini, i gruppi di cittadini, le associazioni e le organizzazioni che hanno realizzato dei progetti inerenti le tematiche specificate dal regolamento a candidarsi entro il 30 giugno 2020 alle ore 23,59.

Anche gli eurodeputati potranno nominare un progetto di un singolo o di una associazione ritenuto particolarmente meritevole. Sono ammissibili progetti nazionali, transfrontalieri e paneuropei che promuovono una maggiore integrazione e cooperazione, nonché i valori sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. Fra i temi dei progetti vincitori delle passate edizioni, l'assistenza sociale e l'integrazione, l'educazione, il dialogo interculturale, l'arte e la cultura, la protezione dell'ambiente e la memoria storica. I vincitori del premio saranno annunciati a luglio 2020 e invitati alla cerimonia di premiazione a novembre 2020 al Parlamento Ue.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie