Bce: Castaldo (M5s), estensione Pepp garantisce stabilità eurozona

'Adesso possiamo concentrarci sugli tracciati nel patto della rinascita annunciato da Conte'

Redazione ANSA

BRUXELLES - “Il maxi-piano della Bce garantisce stabilità all’eurozona". Lo sottolinea in una nota l'europarlamentare del M5s e vicepresidente del Parlamento Ue, Fabio Massimo Castaldo. "Accogliamo con grande soddisfazione la decisione di aumentare di 600 miliardi di euro il piano di acquisti dei titoli di stato europei portando a 1.350 miliardi il valore totale del Pepp. Inoltre - sottolinea Castaldo - la proroga degli acquisti fino ad almeno il giugno del 2021 permetterà agli Stati membri di concentrarsi sul rilancio della propria economia senza ostacoli di natura finanziaria. Finalmente da Francoforte arriva una reazione all’altezza della situazione e della crisi che stiamo vivendo. Queste ulteriori misure, insieme al Recovery Fund che va approvato definitivamente e reso operativo il prima possibile, dimostrano che l’Europa sta adottando misure incisive per rilanciare l’economia e sostenere gli sforzi degli Stati membri. L’Italia è pronta, grazie all’ombrello della Bce adesso possiamo concentrarci sugli obiettivi tracciati nel patto della rinascita annunciato ieri dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte: la transizione verso un'economia sostenibile, incentivi alla digitalizzazione, sostegno a start up e imprese, sburocratizzazione degli investimenti pubblici, riforma della giustizia per attrarre gli investitori stranieri e quella del fisco con il taglio delle tasse. Andiamo avanti uniti - conclude Castaldo - per sostenere cittadini e imprese in questo momento difficile". 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie