Ungheria: Sassoli a Orban, venga al dibattito giovedì al Parlamento Ue

E' necessaria presenza capo Stato su tema tale portata

Redazione ANSA

BRUXELLES - Il Parlamento europeo è pronto ad ascoltare il premier ungherese Viktor Orban al dibattito che si terrà alla plenaria giovedì 14 alle ore 9. "Le sarei grato se prendesse parte al dibattito in emiciclo", ha scritto in una lettera al premier magiaro il presidente del Parlamento europeo David Sassoli precisando che "la pratica per tale tipo di dibattito richiede come adeguato livello di partecipazione la presenza dei capi di Stato o di governo" e che "a seguito della recente decisione della Conferenza dei presidenti non è possibile una presenza da remoto, malgrado le attuali ed eccezionali circostanze", per i dibattiti in aula. Sassoli ricorda nella lettera di avere ricevuto ieri da Budapest la richiesta del ministro della Giustizia ungherese Judith Varga a partecipare al dibattito "per esprimere il punto di vista del governo". Secondo quanto si apprende Varga avrebbe chiesto di partecipare da remoto.

Le misure di emergenza Covid-19 approvate in Ungheria e il loro impatto sulla democrazia, il rispetto dello stato di diritto e i diritti fondamentali saranno discusse in aula, soprattutto in relazione al recente aumento dei poteri del governo nel quadro delle misure relative alla pandemia. Nella sua risoluzione del 17 aprile, il Parlamento ha sottolineato che tutte le misure relative a Covid "devono essere in linea con lo stato di diritto, strettamente proporzionate [...], chiaramente collegate alla crisi sanitaria in corso, limitate nel tempo e sottoposte a controlli regolari". Le decisioni in Ungheria di prolungare lo stato di emergenza a tempo indeterminato, di autorizzare il governo a governare per decreto, e di indebolire il potere di controllo del Parlamento, sono "totalmente incompatibili con i valori europei", sottolinea la risoluzione. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie