Zanni-Bonfrisco, su Turchia ci aspettiamo reazione decisa Ue

Eurodeputati Lega, 'l'attacco alla Siria è un fatto gravissimo'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "L'attacco dei raid di artiglieria della Turchia alla Siria è un fatto gravissimo che dovrebbe allarmare per prima l'Ue." È quanto dichiarano in una nota l'europarlamentare Marco Zanni, responsabile esteri della Lega, e l'eurodeputata Anna Bonfrisco."Il comportamento di Erdogan che ha ufficialmente dato avvio alle operazioni nel nord della Siria è vergognoso - affermano i due eurodeputati. In questo modo si riaccendono gli scenari di guerra che sembravano essersi sopiti dopo anni di massacri e tensioni. Ci aspettiamo ora una reazione vigorosa dall'Ue, che ha finanziato il governo di Erdogan con i soldi dei contribuenti europei - proseguono gli eurodeputati -. Parliamo di miliardi di euro destinati alla Turchia come fondi di preadesione e per la pessima gestione dei flussi dei rifugiati. Ulteriore prova che siamo di fronte a un partner inaffidabile e imprevedibili".

"Rivitalizzare il conflitto nella zona settentrionale della Siria - avvertono i leghisti - potrebbe riaccendere i focolai dello Stato Islamico e riaprire i flussi migratori verso l'Europa che gli stessi turchi avrebbero dovuto contrastare. Ora - concludono Zanni e Bonfrisco - sarà difficile mantenere l'equilibrio raggiunto nella regione mediorientale e ancora più preoccupanti saranno i possibili effetti di questa offensiva sugli assetti degli altri attori regionali coinvolti come Israele e Iran, senza dimenticare il ruolo delicato di Usa e Russia". 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."