Kukiz, Sincic e Kahonen, con chi dialoga M5S

Dalla rockstar anti-abortista al leader 28enne euroscettico

Redazione ANSA

BRUXELLES - Una rockstar anti-abortista, un leader 28enne che si batte per il diritto alla casa, la cofondatrice di una movimento finlandese per la democrazia diretta: sono i tre interlocutori che Luigi Di Maio ha incontrato a Bruxelles per cercare di creare un nuovo gruppo politico all'Europarlamento. Sono Pawel Kukiz, Ivan Vilibor Sincic e Karolina Kahonen, i fondatori, rispettivamente, dei movimenti Kukiz'15 in Polonia, Zivi zid in Croazia e di Liike Nyt in Filandia.

Il più famoso dei tre è Pawel Kukiz, cantante rock polacco che ha fondato Kukiz'15, movimento anti-establishment di destra che si batte per il superamento dei partiti tradizionali e a sostegno della democrazia diretta. Kukiz ha figurato in diverse band rock a partire dagli anni '80 (è stato vocalist del gruppo rock "Piersi"), ha recitato in alcuni film ed è entrato nel 2015 nel Parlamento polacco, dove il suo movimento ha conquistato 42 seggi. È contrario all'aborto e alle adozioni gay. Con il movimento Kukiz'15 ha ottenuto un risultato importante alle presidenziali del 2015, strappando il 20,8% dei consensi.

Ivan Vilibor Sincic è stato la rivelazione delle elezioni presidenziali del 2014 in Croazia, dove con il suo movimento Zivi zid ('Lo scudo umano') ha ottenuto il 16,4 % dei consensi. Il movimento si oppone ai pignoramenti anche con l'occupazione delle case, auspica il ritiro della Croazia dalla Nato, professa il protezionismo economico ed è contrario agli Ogm. Karolina Kahonen è invece la co-fondatrice del movimento finlandese Liike Nyt. Molto vicino alle posizioni del M5S sui temi della cittadinanza digitale, della democrazia diretta e della partecipazione dei cittadini alle decisioni politiche, Liike Nyt si distanzia però dai pentastellati il suo marcato sostegno al liberismo economico.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

"I contenuti del sito riflettono esclusivamente il punto di vista dell’autore. La Commissione europea non è responsabile per qualsivoglia utilizzo si possa fare delle informazioni contenute."


"Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione europea nel quadro del programma di sovvenzioni del Parlamento europeo nell'ambito della comunicazione. Il Parlamento europeo non ha partecipato alla sua preparazione e non è in alcun modo responsabile delle informazioni o dei punti di vista espressi nel quadro del progetto, né si considera da essi vincolato. Gli autori, le persone intervistate, gli editori o i distributori del programma ne sono gli unici responsabili, conformemente al diritto applicabile. Inoltre il Parlamento europeo non può essere ritenuto responsabile di eventuali danni diretti o indiretti derivanti dalla realizzazione del progetto."

Modifica consenso Cookie