Mostre: porcellane dei Duchi di Parma alla Reggia di Colorno

Da marzo capolavori delle grandi manifatture del '700 europeo

(ANSA) - PARMA, 18 DIC - La Reggia di Colorno ospiterà dal 13 marzo al 6 giugno 2021 una mostra su 'Le Porcellane dei Duchi di Parma. Capolavori delle grandi manifatture del '700 europeo'. Le preziose porcellane, che Luisa Elisabetta di Francia e il consorte Filippo di Borbone utilizzavano per i ricevimenti ducali, saranno riunite per la prima volta dopo la dispersione dei tesori d'arte delle regge parmensi che prese il via nel 1859, quando il Ducato di Parma e Piacenza venne cancellato per essere inglobato nel nuovo Regno d'Italia. La mostra nasce dalla collaborazione tra Provincia di Parma, Galleria degli Uffizi di Firenze e Antea.
    "Tutto è partito - spiegano i curatori Giovanni Godi e Antonella Balestrazzi - dal progetto di valorizzazione della Reggia di Colorno nel 2015, con i primi interventi di riarredo, riportando in loco i mobili e le suppellettili che erano stati dislocati nelle sedi della Provincia di Parma. Poi il lavoro di archivio, da cui emerse tra l'altro un lunghissimo elenco di porcellane, tazze, piatti, e 15 statuine di porcellana. Da qui l'idea di riportare in Reggia questi oggetti decorativi che avevano scatenato nel '700 una vera mania di collezionismo.
    Anche Colorno aveva la sua stanza delle porcellane, allestita dal Petitot, autore del rifacimento settecentesco della Reggia.
    Protagonisti sono i Borbone, in particolare Elisabetta detta Babette, figlia del re di Francia, che collezionava per se stessa e suo marito questi oggetti di porcellana e per arredare la sua nuova residenza". Sarà riallestita anche la sala da pranzo di Maria Luigia, con una tavola dell'epoca perfettamente apparecchiata , con la poltrona della Duchessa e il suo ritratto, prestato dal Complesso Monumentale della Pilotta.
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Aeroporto di Bologna



        Modifica consenso Cookie