Bonaccini a Fossoli: 'La memoria è un dovere'

76 anni fa 67 persone vennero trucidate dai nazifascisti

"Il dolore del ricordo è un dovere per chi rappresenta le Istituzioni, un vero e proprio monito cui dobbiamo ancorare il nostro presente. Per questo essere qui oggi a Fossoli, dove il 12 luglio di 76 anni fa 67 persone vennero trucidate dalla follia nazifascista, testimonia che la Regione Emilia-Romagna non dimentica i valori di libertà e democrazia su cui è fondata la nostra Repubblica. E non dimentica i suoi martiri, le tante donne e i tanti uomini che nella nostra regione persero la vita avendo scelto di stare dalla parte della libertà e che contribuirono a fare di quei valori i pilastri delle nostre comunità". Lo ha detto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che ha partecipato alla commemorazione dell'anniversario dell'eccidio del 12 luglio 1944 al poligono di tiro di Cibeno, un quartiere di Carpi (Modena), in cui furono trucidate 67 persone recluse nel Campo di Fossoli.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna



      Modifica consenso Cookie