Emilia-Romagna

Firme M5s, 3 a giudizio e una condanna

A processo anche il vicepresidente del consiglio comunale di Bologna Piazza

Tre rinvii a giudizio e una condanna a sei mesi (con pena sospesa) in abbreviato. E' l'esito dell'udienza, davanti al gup del Tribunale di Bologna, Franco Raffa, per i quattro coinvolti nell'inchiesta sulla raccolta firme a sostegno della lista del Movimento 5 Stelle per le regionali del 2014. A processo andranno il vicepresidente del consiglio comunale, Marco Piazza, autosospesosi dal Movimento, il dipendente comunale Stefano Negroni (suo collaboratore e braccio destro) e l'ex attivista pentastellata Giuseppina Maracino. Un'altra ex attivista, Tania Fiorini, che aveva optato per il rito abbreviato è stata condannata invece a sei mesi. Tutti e quattro sono accusati di violazione della legge elettorale. Il processo comincerà il 17 febbraio del 2020. Del caso si occupa il pm MIchela Guidi.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Aeroporto di Bologna



      Modifica consenso Cookie