A Nervesa si vola come una volta

Alla Jonathan Collection la storia dell'aviazione

Redazione ANSA

TREVISO - La Fondazione Jonathan Collection di Nervesa della Battaglia alle pendici del Montello (Tv) è una squadriglia di aerei con pochi eguali al mondo che racconta la magia dei pionieri del volo. Il presidente Giancarlo Zanardo, classe 1939, ex imprenditore nel ramo della chimica, costruisce macchine volanti dall'età di 18 anni pilotandole lui stesso.
    Presso l'hangar mobile Bessonnau, un originale hangar montato a Grado durante la I Guerra Mondiale, ottenuto dalla Raf inglese e pazientemente restaurato, viene custodito un originale Biplano Tiger Moth e repliche amatoriali (ma fedeli agli originali) dell'aereo da caccia Sopwith Camel, con la livrea del giovane pilota canadese Donald Gordon McLean abbattuto sul Montello nel 1918; del Flyer con il quale i fratelli Wright fecero il primo volo a motore della storia; del Blériot XI della prima traversata della Manica; del triplano Fokker Dr.1 del Barone Rosso; del trimotore bombardiere Caproni Ca.3 e infine dello Spad VII con il quale venne abbattuto Francesco Baracca a pochi passi da dove oggi sorge l'hangar della Fondazione.
    Tra aneddoti e video si scoprono tra i visitatori del campo la pilota e astronauta Samantha Cristoforetti, l'ex ingegnere della NASA Tom Benson, già impegnato nel progetto Apollo e poi nelle ricerche attorno all'invenzione del Flyer, ex militari appassionati di aviazione e tanti bambini con le scuole che vengono a studiare la storia dell'aviazione e del territorio.
    L'occasione per vedere gli aerei in volo sarà il prossimo 16 giugno 2019 per il tradizionale Baracca Day.(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE: