L' 'incontro' fra Raffaello e Mozart a Città di Castello

Concerto social da Pinacoteca di palazzo Vitelli alla Cannoniera

Redazione ANSA PERUGIA

 PERUGIA - "In vista dell'apertura a Città di Castello della mostra dedicata al grande maestro urbinate nel 500enario della morte, un omaggio al paese, alla bellezza, alle eccellenze italiane, dalla cultura, all'arte, alla musica, allo spettacolo ed in particolare a tutti coloro che ad ogni livello lavorano ogni giorno in questi settori che al pari di altri sono fermi da tempo a causa della pandemia". E' quanto ha affermato il sindaco, Luciano Bacchetta, in occasione del concerto in onore di Raffaello sui canali social del comune di Città di Castello (www.comune.cittadicastello.pg.it), Youtube, Facebook e - in una sintesi - su Instagram (Cdcnotizie) e Twitter (@CittaCastello), e di alcune emittenti televisive e on line: il quintetto per clarinetto e quartetto di Mozart suddiviso in quattro tempi (Quintetto in la maggiore per clarinetto, K. 581 "Stadler").
    "Che sia di auspicio proprio nel giorno di Pasqua per una rinascita e ripresa rapida grazie ad una auspicabile accelerazione della campagna di vaccinazione di massa. Il concerto di oggi - ha proseguito il sindaco - che mette a confronto due geni della cultura mondiale come Mozart e Raffaello vuole rappresentare questo".
    Nella splendida sala, la ottava, decorata dal Gherardi insieme a Battista da Città di Castello, è andato in scena un evento unico, con il quartetto d'archi composto da Luca Marziali e Matteo Baldoni (violino), Federico Stassi (viola), Alessandro Culiani (violoncello) e il maestro Fabio Battistelli, "regista" dell'evento, noto clarinettista.
    Un appuntamento musicale e artistico che anticipa la mostra "Raffaello giovane a Città di Castello e il suo sguardo", curata da Marica Mercalli e da Laura Teza, che si terrà a Città di Castello dal 18 settembre 2021 al 9 gennaio 2022. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie