Schmidt, nonostante la pandemia Uffizi settimi al mondo

Nel 2020 - 72% visitatori. Da 2022 ci 'aspettiamo un ritorno alla grande'

di Marta Panicucci FIRENZE

Nonostante la pandemia che ha fatto crollare i visitatori e gli introiti di oltre il 70%, i vari musei fiorentini afferenti agli Uffizi si posizionano al settimo posto nella classifica dei musei più visitati al mondo. Dal 2022 è previsto di tornare ai numeri pre-Covid. Lo dichiara il direttore Eike Schmidt intervistato all'Associazione Stampa estera in Italia in un collegamento via Internet.

"Il colpo della pandemia è stato fortissimo - ha detto Schmidt - ma le Gallerie degli Uffizi resistono: nel 2020 abbiamo complessivamente 1.206.175 visitatori, il 27,5% dell'anno precedente, nonostante il Covid e tutto quello che ha comportato in termini di chiusure e restrizioni. Questo ci posiziona al settimo posto tra i musei d'arte di tutto il mondo, nel 2019 eravamo al nono posto in classifica. Abbiamo perso il 72% dei visitatori, percentuale identica al Louvre di Parigi e al Reina Sofia di Madrid". Insieme ai visitatori sono crollati anche gli incassi passati dai 34 milioni del 2019 ai 8,8 milioni dell'anno scorso. Una boccata d'ossigeno è arrivata grazie alle visite delle influencer Martina Socrate, il 12 giugno, e Chiara Ferragni, il 17 luglio, che avrebbero richiamato nel museo un pubblico giovanile, tanto che a dire degli Uffizi per la prima volta i giovani sono stati più di un terzo dei visitatori totali. "L'effetto che si potrebbe chiamare 'Socrate-Ferragni' - ha detto Schmidt - viene supportato dai numeri, che rivelano come non si sia trattato di fenomeni isolati o episodici, ma di uno sviluppo durevole e di ampio respiro grazie ad una strategia precisa e sistematica di avvicinamento ai giovani". La fascia di età 19-25 è passata dal 6,1% del 2019 al 14,3% del 2020. "Una crescita del +134,4% rispetto all'anno precedente", sempre Schmidt.

Anche il 2021, per il direttore, sarà un anno difficile. "Per i musei non aspettiamo la ripartenza vera prima dell'anno prossimo - ha spiegato -. Dal 2022 ci aspettiamo il ritorno alla grande richiesta che c'era prima. Per inizio maggio saremo pronti a riaprire: abbiamo 15 nuove sale dedicate alla pittura del '500 fiorentino e romano che verranno inaugurate lo stesso giorno in cui il museo tornerà ad accogliere il pubblico. Ci auguriamo una riapertura stabile". Prosegue il progetto 'Uffizi diffusi' che per Schmidt "potrebbe servire da modello anche per altre città d'arte e per altri territori" ma all'estero "più che l'apertura di sedi distaccate stiamo organizzando esposizioni, tese a suscitare interesse non solo per gli Uffizi ma per la Toscana e l'Italia".

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie