Il Cantiere di Montepulciano sarà tutto all'aperto

Da Boer a Boni e Solisti aquilani, 36 serate 23 luglio-3 agosto

Redazione ANSA ROMA

(di Paolo Petroni) (ANSA) - ROMA, 28 MAG - IL 45/o Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano, che sarebbe stato facile rimandare al 2021, come dice la presidente della Fondazione che lo gestisce, si svolgerà invece regolarmente dal 23 luglio al 2 agosto, anche se con appuntamenti solo all'aperto (e quindi è rimandata l'opera ''Il mondo della Luna'' di Haydn prevista nel piccolo Teatro Poliziano) e organizzati tenendo presenti le regole di distanziamento del pubblico e degli artisti, con Piazza Grande che, per esempio, ospiterà circa 200 persone, invece delle 700 abituali, e un palco per l'orchestra che sarà allargato quanto necessario per ospitare alla necessaria distanza i 40/45 elementi dell'orchestra, come ha spiegato il coordinatore artistico Giovanni Oliva.
    Il titolo sotto cui sono riuniti 36 appuntamenti in 11 giorni è ''Caos e creazione - scienza, arte, utopia'', legato al ''desiderio umano di trovare attraverso la creazione artistica, e sviluppando anche utopie per un domani migliore, un ordine e un senso nel disordine del mondo'', come spiega il direttore artistico Roland Boer, che firma il programma per la dodicesima e ultima volta, dicendosi davvero profondamente felice dell'esperienza, ma con un fondo di malinconia perché non si troverà come sempre subito impegnato a pensare alla prossima edizione.
    ''L'arte, la musica non sono un'astrazione dalla realtà, ma un'immersione e interpretazione della realtà, quindi un aiuto alla nostra vita'', per questo, come spiega l'assessore alla cultura Lucia Musso, il 45/o Cantiere Internazionale d'Arte di Montepulciano si farà ''pur con modalità diverse dal solito e con progetti adeguati alla situazione - come sottolinea il sindaco Michele Angiolini - perché il bisogno primario di socialità dopo il lockdown è più forte che mai e il cantiere continua a rappresentare un momento di crescita culturale della nostra gente ed economica per il territorio''.
    Il concerto di apertura vedrà I Solisti Aquilani diretti dallo stesso Boer col violinista Daniele Orlando e il soprano Adina Vilichi impegnati con ''Le Chaos'' dalla ''Symphonie nouvelle Les Éléments'' di Rebel, ''Le quattro Stagioni'' di Vivaldi e ''Sweet Bird'' di Handel. Mentre il concerto di chiusura, con Boer sul podio della giovane Orchestra Poliziana, affiancata dai professionisti che ne hanno aiutato la formazione durante l'anno e i giorni del Cantiere, festeggia il 250/o compleanno di Beethoven con Due Estratti da ''Le Creature di Prometeo'', il ''Concerto per pianoforte e orchestra n. 3'' e il ''Concerto per violino'' con Mariangela Vacatello al piano e Francesco D'Orazio violino.
    Musiche in prima esecuzione assoluta e commissionate a l'inglese David Graham, il tedesco Claus Kühnl e l'italiano Norberto Oldrini per una curiosa serata dedicata alla particolare situazione attuale e la necessità del distanziamento individuale daranno vita il 31 luglio a ''Echi d'istanti'' in Piazza Grande tutta sonorizzata con gli strumentisti dell'Ensemble degli Intrigati ben separati, per portare alle estreme conseguenze musicali il comportamento cui ci si conforma in questo periodo storico.
    Appuntamento teatrale di punta sarà il primo agosto ''Fuga a tre voci'', nuova creazione di Marco Tullio Giordana con Alessio Boni e Michela Cescon in anteprima assoluta, nata dallo scambio epistolare tra Ingeborg Bachmann e Hans Werner Henze, che vedrà i due attori dialogare con gli interventi musicali di Giacomo Palazzesi alla chitarra. Sempre in Piazza Grande si svolgerà il 29 luglio la serata di danza con ''Tra cielo e terra'', tre nuove coreografie con Sasha Riva, Simone Repele e Riccardo Buscarini e l'Orchestra sinfonica Florentia con musiche di Mahler, Debussy, Milhaud rispettivamente dirette da diretto da Boer, Silvia Magagni e Valentino Zangara.
    Quattro gli appuntamenti di musica da camera, tra cui si ricorda Il Quartetto Foné con la prima assoluta commissionata a Giampaolo Testoni, cui seguiranno Beethoven e Sollima il 28 luglio e il 31 luglio ''SetteinsiemeperPiero'' Farulli, maestro di vita e musica degli strumentisti dell'Orchestra Giovanile Italiana impegnati nel Settimino op. 20 di Beethoven. Molti altri gli appuntamenti in programma, Leslie Howard e Ludovico Troncanetti per la sinfonia ''The Planets'' di Holst nella versione per due pianoforti; Cinema muto su ''Viaggi sulla Luna'' con un corto in anteprima; una particolare installazione luce da Skrjabin; il jazz con Michele Franzini; un programma speciale per violoncelli; oltre a un'anteprima del Cantiere il 23 luglio al castello di Sarteano con un dramma musicale di Giovanni Vannoni e serate in altri sei comuni della Val di Chiana senese. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie