Archeologia: Eraclea Minoa torna a risplendere

Al via progetti di restyling, nuovi servizi e recupero teatro

Redazione ANSA PALERMO

 PALERMO - Circa 300 mila euro di progetti immediati per il restyling dell'area archeologica di Eraclea Minoa dove nascono la nuova biglietteria, i servizi, un bookshop, una caffetteria, i sistemi di videosorveglianza. E un belvedere che renderà il sito anche un punto di riferimento per gli amanti della natura e del trekking. Nel frattempo si studia l'area nei dettagli per lanciare il bando internazionale per il restauro del Teatro, atteso da 30 anni.
    Eraclea Minoa fa parte dei 40 siti gestiti, valorizzati e salvaguardati dal Parco archeologico della Valle dei Templi che ha deciso di impegnare risorse proprie - circa 300 mila euro - in attesa di lanciare il bando internazionale per il restauro completo dell'area archeologica. Che non è soltanto il famoso teatro greco, costretto sotto l'ormai vetusto "relitto" della copertura, ma anche uno straordinario complesso di case del quartiere adiacente, con affreschi e mosaici: l'antica Heraclea citata da Erodoto e da Cicerone, fondata dai coloni greci di Selinunte nel VI secolo a.C. passata dalle mani dei Romani, coinvolta in una serie di guerre e progressivamente abbandonata prima del I secolo d.C.
    "La Sicilia - sottolinea l'assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, Alberto Samonà - ha una prepotente bellezza accresciuta anche da importanti aree archeologiche, ma queste, purtroppo, non sempre sono state tenute in condizioni dignitose e, talvolta, luoghi unici al mondo sono stati poco valorizzati. Uno di questi è Eraclea Minoa che, dopo decenni, è pronta per rinascere a nuova vita grazie a questi interventi".
    "Il teatro greco di Eraclea Minoa è in un pessimo stato di conservazione - conferma il direttore del Parco archeologico della Valle dei Templi, Roberto Sciarratta -. Ma è soltanto il più evidente tra i problemi che affliggono l'intera area archeologica. Purtroppo, in assenza di un progetto complessivo di musealizzazione - protezione, il teatro è rimasto sotto l'ombrello della copertura di cantiere che doveva essere un intervento -tampone per avviare i lavori e invece è ancora lì dopo 30 anni".
    Il Parco ha deciso quindi di intervenire su più versanti, "rileggendo" il sito nel suo complesso, anche come un unicum dal punto di vista naturalistico, e mettendosi è al lavoro, con CoopCulture concessionaria dei servizi aggiuntivi, per la sistemazione dell'intera area, la realizzazione dei nuovi bagni, il rifacimento delle biglietterie e dei desk di accesso, che verranno forniti di un bookshop e di una caffetteria con area ristoro. Il Parco sta coinvolgendo i suoi archeologi anche per il completo riallestimento dell'Antiquarium che ospita reperti importanti. E siccome Eraclea Minoa gode di una posizione unica, affacciata sulla marna bianca che guarda il Mediterraneo, il progetto comprende anche l'allestimento di un percorso naturalistico.
    "CoopCulture ha sempre costruito le sue attività in stretto rapporto con il territorio - dice il direttore generale Letizia Casuccio -. Crediamo nel coinvolgimento, nella didattica, ma anche in servizi efficienti e in un luogo di lavoro attrezzato per noi e per chi visita". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie