Nuove scoperte a Mont'e Prama

A Cabras, nell'Oristanese, continuano gli scavi

Redazione ANSA CABRAS (ORISTANO)

  Cabras  - Una decina di nuove tombe a pozzetto, due modellini di nuraghe come quelli già rinvenuti nelle prime e nelle più recenti campagne di scavo, quattro metri di muro nuragico che si aggiungono ai dieci già rimessi in luce la scorsa primavera e pochi frammenti scultorei. I saggi di scavo eseguiti tra il 15 novembre e il 9 dicembre scorsi dalla Soprintendenza archeologica nei terreni privati attorno al sito di Mont'e Prama nel Sinis di Cabras (Oristano) non hanno restituito grandi tesori ma hanno fornito molti elementi che potranno essere utili a inquadrare meglio il fenomeno Mont'e Prama. Ne è convinto l'archeologo della Soprintendenza Alessandro Usai, che oggi ha fatto il punto della situazione nel corso di una conferenza stampa alla quale ha partecipato tra gli altri anche il sindaco di Cabras Cristiano Carrus. Ma chi si aspettava l'annuncio della scoperta del grande tempio nuragico ipotizzato qualche anno fa dallo stesso soprintendente archeologico Marco Minoia, è rimasto deluso.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie