Dante Ferretti firma Scenaria, Festival di Scenografia

Dal 2022, da oggi documentario Marche terra scenografi

Redazione ANSA MACERATA

MACERATA - E' firmato da Dante Ferretti Scenaria, il primo festival internazionale della Scenografia che nasce in Italia e nello specifico a Macerata, sua terra natale. Una rassegna ideata dall'artista Mauro Mazziero, e in qualche modo ispirata al lavoro del pluripremiato maestro italiano della scenografia mondiale con gli Oscar vinti per The Aviator di Martin Scorsese (2005), Sweeney Todd di Tim Burton (2008) e Hugo Cabret, regia di Martin Scorsese (2012), ma anche collaboratore di Pasolini, Zeffirelli, Elio Petri, Fellini.

"La scenografia è arte abitata, è la rappresentazione di un mondo - dice Ferretti - mi fa piacere aver ispirato e partecipare al progetto Scenaria. Spero che la scenografia possa essere il mezzo per una rinnovata stagione delle arti". Scopo del festival è far conoscere un'arte magica, in tutte le sue forme da quelle storiche e artigianali a quelle tecniche, fino alle ultime innovazioni tecnologiche e spettacolari dei grandi allestimenti cinematografici, teatrali e televisivi. Nel 2022 è prevista l'assegnazione di premi per la migliore scenografia nei settori cinema, teatro e televisione e un riconoscimento per studenti, mettendo a confronto grandi protagonisti e talenti emergenti. "Lo spazio e i suoi autori diventano così protagonisti di storie e processi creativi che acquistano un valore autonomo rispetto ai contenuti di film e spettacoli" riflette Mazziero. In attesa del 2022 e in tempo di coronavirus, Scenaria apre la sua attività con filmati e reportage dedicati alla valorizzazione della scenografia. Il primo Marche, una terra di scenografi, un corto documentario diretto dal regista Tommaso Malaisi e a cura di Cristina Tilio, è visibile da oggi sul sito www.scenariafestival.it. E' un viaggio dedicato ai grandi protagonisti della scenografia di ieri e di oggi, molti di origine marchigiana o legati alla regione. Come Gerolamo Genga, di Urbino, il primo a disegnare una scena con veduta prospettica nel XV secolo. O Giacomo Torelli, di Fano, esponente del teatro barocco e inventore del cambio di scena a vista che suscitò un senso di meraviglia negli spettatori del XVII secolo. Fino ad arrivare ad anni più recenti, al maceratese Aldro Tomassini Barbarossa, presso cui mosse i primi assi lo stesso Ferretti, Carlo Cesarini da Senigallia (Studio Uno, Canzonissima), Mario Garbuglia (Il Gattopardo, Rocco e i suoi Fratelli, La grande Guerra), Ferdinando Scarfiotti, Premio Oscar nel 1988 per la scenografia de L'ultimo imperatore di Bernardo Bertolucci. Ricordi alternati alle testimonianze di docenti universitari o di accademia, professionisti e creativi di oggi come Benito Leonori, Henning Brockhaus (regista della Traviata 'degli specchi' con scene di Josef Svoboda), Raffaele Curi, direttore artistico della Fondazione Fendi, Giancarlo Basili, Giancarlo Colis.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie