Biodiversità in città, a Bergamo il Premio nazionale del Paesaggio

Valle d'Astino recuperata. Franceschini, tutela è un settore su cui l'Italia è più avanti

Redazione ANSA ROMA

BERGAMO - Un progetto incentrato sulla biodiversità dentro la città, proposto dalla Fondazione Misericordia Maggiore di Bergamo e scelto tra 96 progetti, ha vinto il Premio Nazionale del Paesaggio assegnato oggi dal ministro della Cultura Dario Franceschini in occasione della Giornata del Paesaggio e costituirà la candidatura italiana alla VII edizione del Premio del Paesaggio del Consiglio d'Europa. Il cuore del progetto è la Valle d'Astino, un'area di notevole interesse storico ambientale che si trova a ridosso della città di Bergamo e ne costituisce un importante valore identitario. In questo luogo, nel medioevo venne costruito un monastero vallombrosano ma con il tempo l'intera area è finita in uno stato di grave abbandono e degrado. L'ambizioso progetto di recupero e pianificazione del paesaggio della valle d'Astino è cominciato nel 2007, quando la Fondazione Misericordia Maggiore di Bergamo acquisisce l'edificio del monastero e i suoi annessi agricoli. In questo periodo si avvia il restauro del complesso e il recupero paesaggistico del patrimonio terriero della valle all'insegna della biodiversità e delle coltivazioni biologiche.
Con il coinvolgimento delle associazioni di categoria agricole presenti sul territorio del Parco; associazioni ambientaliste riconosciute a livello nazionale (WWF, Legambiente, Italia Nostra, Lipu); Consorzio di bonifica per la media pianura bergamasca; ordini professionali della provincia di Bergamo (architetti, ingegneri, geometri, agronomi); CCIAA di Bergamo e la Diocesi di Bergamo si concerta un accordo che prevede: la salvaguardia del paesaggio, il recupero del monastero, delle cascine dell'area, del castello e dei sentieri; la creazione di percorsi didattici all'interno del bosco dell'Allegrezza e un Orto botanico. "Fra gli aspetti più rilevanti del progetto vincitore - ha dichiarato il Direttore Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio Federica Galloni - c'è la restituzione alla pubblica fruizione di un paesaggio degradato e a rischio di speculazione edilizia. Un'area di notevole interesse storico ambientale che si trova a ridosso della città di Bergamo e ne costituisce un particolare valore identitario".
Il Ministro Franceschini nel corso della première sul canale YouTube del MiC ha detto: "Dobbiamo sempre pensare alla grande lungimiranza dei nostri padri costituenti che iscrissero nell'articolo 9, tra i principi fondamentali, non soltanto la tutela del patrimonio storico e artistico della nazione, ma anche la tutela del paesaggio. Pensiamo quale capacità di visione aveva quella generazione di politiche e di politici nell'immaginare il futuro. Per questo nel 2016 abbiamo istituito la Giornata Nazionale del Paesaggio, che è un modo per organizzare una competizione virtuosa tra progetti, per tenere vivo questo tema e di partecipare alla selezione europea che si svolge successivamente. È un riconoscimento importante, è una prova di come noi in molti settori siamo all'avanguardia. Dobbiamo essere orgogliosi - ha concluso Franceschini - perché la tutela del paesaggio è uno dei settori su cui l'Italia è più avanti di molti altri paesi".
Il progetto sulla Valle d'Astino di Bergamo non è stato l'unico ad avere riconoscimenti. È stata attribuita una menzione speciale al progetto "ri-vivere il paesaggio montano il Parco dei monti Rognosi e della Valle del Sovara: dalle risorse culturali e naturali al turismo rurale e sostenibile" presentato dalla Comunità Montana dei Comuni della Val Tiberina Toscana. Nove menzioni sono state assegnate a: "La pergola abruzzese. L'esperienza tollese e la Carta di Tollo" presentato dal Comune di Tollo; "Podere case Lovara a Punta Mesco" presentato dal FAI; "Sentiero Italia" presentato dal CAI; "Rasiglia: l'anima di un borgo tra natura e comunità" presentato da Rasiglia e le sue sorgenti APS; "Colture e Culture, vivere tra i calanchi di Atri" presentato dalla Riserva naturale regionale oasi WWF Calanchi di Atri; "Tutela di una paesaggio storico da parte della Comunità di Montafia d'Asti" presentato dal Comitato "I nostri figli" di Montafia; "La Comunità di Mosciarella di Capranica Prenestina" presentato dal Comune di Capranica Prenestina; "Concorso artistico internazionale Two Calls for Vajont Diga del Vajont e Nuovo spazio di Casso" presentato dai Comuni di Erto e Casso; "Greenway del lago di Como" presentato dal Comune di Tremezzina; "Longevitas Mandrolisai. La Sardegna è bella dentro. Ecomuseo del territorio" presentato dai Comuni di Atzara, Meana Sardo, Ortueri e Sòrgono. Cinque segnalazioni sono state assegnate infine a "PIUMA" presentato dall'Ente di gestione delle Aree protette dell'Appennino piemontese; "Parco diffuso della conoscenza e del benessere" presentato dalla Onlus Associazione calabrese di Epatologia; "La strada della fiaba" presentata dal Dipartimento del Turismo, Economia della cultura e Valorizzazione del Territorio della Puglia; "Museo della Cultura Arbereshe" presentato dal Comune di San Paolo Albanese; "Coltiva il paesaggio mangiando" presentato dall'Ecomuseo del paesaggio del Comune di Parabiago.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie