'Ferita' in Libano, è a Milano la Maddalena di Artermisia

L'opera Gentileschi alla mostra 'Le signore dell'Arte'

Redazione ANSA MILANO

 MILANO  - E' ferita dall'esplosione che ha devastato lo scorso 4 agosto Beirut la Maddalena Sursock di Artemisia Gentileschi, oggi sistemata alla fine del percorso espositivo della mostra 'Le Signore dell'Arte. Storia di donne fra '500 e '600'. Ma anche questo è parte del suo fascino.    L'opera prende il nome dalla famiglia Sursock, una delle più aristocratiche del Libano, con parentele romane come i Colonna.
    Arrivata dal Medio Oriente in una cassa, oggi è stata liberata dagli esperti di Palazzo Reale che ne hanno valutato le condizioni.
    Ben visibili i fori conseguenza dell'esplosione e forse anche per questo più affascinante il dipinto che solo negli ultimi tempi è stato attribuito a Artemisia Gentileschi, grazie alla tesi di dottorato alla Sorbona di Gregory Buchakjian , confermata dallo studioso Riccardo Lattuada.    Questa Maddalena è un inedito, per la prima volta in mostra, e certamente anche per l'ultima prima del necessario restauro.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie