Torna Genova Hip Hop Festival

Con rapper Jamil, Nader, gare breakdance e street art

Redazione ANSA GENOVA

GENOVA - Tre giorni di musica, danza e arte con la serata dedicata ai concerti con protagonisti il rapper Jamil e uno dei pilastri della scena rap genovese Nader, gare di breakdance con partecipanti da tutta Italia e street art con l'inaugurazione dell'opera di Chekos'Art su uno dei piloni della sopraelevata. E' il Genova Hip Hop Festival, da venerdì 10 a domenica 12 gennaio: la manifestazione interamente dedicata al mondo e alla cultura hip hop, ideata e realizzata dall'associazione culturale Blazup Studio con il patrocinio del Comune di Genova e Regione Liguria.
    Dopo la prima edizione nel 2018 e la seconda in versione estiva nell'agosto del 2019, il Genova Hip Hop Festival torna per la terza edizione con una struttura completamente rinnovata, che non comprende soltanto la musica ma si apre all'intera sfera della cultura hip hop, con eventi dedicati alla danza e all'arte. "Con questa nuova edizione del Genova Hip Hop Festival ci siamo aperti sempre di più a tutte le espressioni artistiche della cultura hip hop - spiega Anis Hafaiedh, direttore artistico dell'associazione Blazup Studio -. Spesso il mondo dell'hip hop è associato esclusivamente alla musica rap, in realtà comprende altre forme d'arte come la danza, il writing, il freestyle e il djing. Il nostro obiettivo è quello di rendere Genova uno dei punti di riferimento della scena hip hop e rap nazionale e, soprattutto, di valorizzare l'arte e la cultura locale, offrendo spazio e opportunità ai giovani". Tema conduttore della terza edizione del Genova Hip Hop Festival il rapporto tra tradizione e innovazione.
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie