Raffaello alle Scuderie riapre il 2 giugno

La grande mostra resterà aperta fino al 30 agosto

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Il pubblico potrà tornare presto ad ammirare lo splendore delle opere di Raffaello, riunite eccezionalmente alle Scuderie del Quirinale in occasione della mostra "Raffaello 1520 - 1483". Le porte dello spazio espositivo romano riapriranno dal 2 giugno, una data che avrebbe dovuto sancire la conclusione della rassegna e che invece - in coincidenza con le celebrazioni per la Festa della Repubblica - rappresenterà un nuovo inizio per l'evento con cui l'Italia rende omaggio all'artista a 500 anni dalla morte.

La mostra, sospesa per circa tre mesi a causa dell'emergenza sanitaria da coronavirus, resterà aperta fino al 30 agosto, in virtù di una lunga proroga resa possibile grazie alla disponibilità e alla solidarietà delle istituzioni museali e dei collezionisti che hanno prestato le opere. La riapertura seguirà misure di sicurezza straordinarie, delineate in uno specifico progetto tecnico-sanitario elaborato da un esperto del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell'Università Sapienza e armonizzato con le linee guida del Comitato Tecnico Scientifico.

"Ricominciamo. Riapriamo le porte delle Scuderie del Quirinale pronti ad accogliere i visitatori nelle più scrupolose condizioni di sicurezza, offrendo allo stesso tempo l'opportunità di fruire di tanta bellezza e ritrovare in essa la forza per ripartire. Siamo grati alle Gallerie degli Uffizi, al suo direttore Eike Schmidt e a tutti i prestatori che hanno concesso con generosità l'opportunità di prolungare le date di un'esposizione così importante per il nostro Paese", dice Mario De Simoni, Presidente e A.D. Ales - Scuderie del Quirinale. "La mostra 'Raffaello' ha un valore inestimabile dal punto di vista artistico e offre la possibilità di ammirare una concentrazione di opere del Maestro urbinate nello stesso contesto come mai era stato possibile fino ad oggi - spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt - Ogni sforzo per garantire al maggior numero di persone possibile di godere di tale meraviglia è doveroso: le Gallerie sono dunque ben liete di prolungare il loro prestito di una cinquantina di capolavori a questa mostra unica ed epocale per tutto il tempo che sarà necessario". 

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie