Restauri, propileo San Giusto tesoro restituito a Trieste

Grazie a Rotary Club. Nuovo ingresso in campanile Cattedrale

Redazione ANSA TRIESTE

(ANSA) - TRIESTE, 25 GIU - Il Rotary Club Trieste dopo un'articolata opera di restauro restituisce alla città un tesoro nascosto: il propileo di San Giusto (in greco propylon), caso unico a Nord di Roma per l'eccezionale livello di conservazione "in alzato", con basamento, colonne e attico che si presentano in situ.
    Si tratta di un edificio romano del 50 d.C., la cui funzione era di ingresso monumentale, costituito da colonnati e scale, considerato un monumento dal grande valore storico e dalle potenzialità turistiche notevoli, sconosciuto al pubblico solo perché parte dei suoi elementi compositivi in pietra bianca erano nascosti dalla patina del tempo.
    Il Rotary Club Trieste, che ha progettato e finanziato - con la collaborazione della Fondazione benefica Kathleen Foreman Casali - il restauro ha anche realizzato un nuovo percorso di visita nella torre campanaria della cattedrale di San Giusto.
    I lavori sono cominciati a gennaio: pulizia delle superfici lapidee, rimozione delle grate e restauro delle vetrate con un "ripensamento" del monumento a misura di visitatore.
    Il monumento fu costruito dall'epoca romana al 1300. È stato anche creato un passaggio "sospeso" su superficie vetrata.
    Il propileo romano è stato simbolicamente consegnato stamani da Francesco Granbassi, presidente del Rotary Club Trieste, nelle mani dell'arcivescovo Crepaldi e del sindaco Dipiazza: "un'opera unica restituita all'antica bellezza". Sarà infine installata una webcam sul colmo della torre campanaria, che diffonderà così l'immagine del capoluogo del Friuli Venezia Giulia in tutto il mondo. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie