Le mostre del week end, da Keith Haring a Kurt Ammann e Mœbius

A Bergamo i messaggi di artisti internazionali nel post covid

di Marzia Apice MILANO

Da Keith Haring a Kurt Ammann, e poi Mœbius, 40 anni di lotta all'HIV e le testimonianze degli artisti nel post pandemia: sono alcune delle principali mostre del weekend.

MILANO - Lo Spazio Eventi di Palazzo Pirelli ospita dal 10 novembre "Youth - L'età dell'Innocenza", mostra del fotografo svizzero Kurt Ammann, a cura di Biba Giacchetti e con la collaborazione di Fausto Fabiano: il percorso, visibile fino al 1 dicembre, racconta la riflessione dell'autore sulla giovinezza, sull'effervescenza e la fragilità di un percorso cruciale dell'esistenza, attraverso scatti che ritraggono bambini e ragazzi, realizzati in diversi luoghi del mondo.

Quattro decenni di lotta al virus dell'HIV, attraverso documenti d'archivio, manifesti, opere d'arte, campagne pubblicitarie: è la mostra "40 anni positivi. Dalla pandemia di AIDS a una generazione HIV free", dal 12 novembre al 5 dicembre alla Galleria dei Frigoriferi Milanesi. A partire dalla copia del New York Times in cui un articolo documentava l'arrivo di una nuova malattia poi identificata con AIDS, l'esposizione racconta la grande rivoluzione della cura e dello sviluppo della ricerca scientifica, ma anche le testimonianze di personaggi noti che si sono impegnati a combattere in prima persona il virus e lo stigma della malattia. Da Richard Avedon a Gabriele Basilico, da Paolo Gioli a Weegee: sono solo alcuni dei grandi autori che compongono "Una collezione ideale", collettiva in programma nello spazio milanese di Leica Galerie dal 9 novembre al 15 gennaio 2022. A cura di Denis Curti, la mostra presenta 25 immagini, tutte firmate, timbrate o comunque autenticate da eredi o estate ufficiale (stampe "vintage" edizioni numerate, prove d'autore), e costruisce per il pubblico un emozionante viaggio nella storia della fotografia.

PORDENONE - Al Paff! Palazzo Arte Fumetto Friuli arriva "Mœbius - Alla ricerca del tempo": dal 13 novembre al 13 febbraio 2022, oltre 300 opere, con 153 disegni originali e 174 riproduzioni di vario tipo (incisioni con autografo, stampe d'arte a tiratura limitata con autografo, stampe su Dbond, riproduzioni digitali e scenografiche) svelano l'universo creativo di uno dei più influenti fumettisti e illustratori di tutti i tempi.

FOLIGNO - "Leandra Angelucci Cominazzini. Una donna futurista" è la mostra in programma dal 7 novembre al 24 gennaio 2022 a Palazzo Trinci e nella Biblioteca Comunale "Dante Alighieri", a cura di Massimo Duranti e Andrea Baffoni. A 40 anni dalla scomparsa dell'artista, l'antologica permette di comprendere il contributo femminile al Futurismo: tra le opere esposte, anche il ritratto aeropittorico della famiglia Marinetti, realizzato tra il 1930 e il 1933 da Gerardo Dottori. Fu proprio Dottori che annoverò Leandra tra i futuristi umbri lanciandola ufficialmente nell'ambito dell'aeropittura.

PISA - Palazzo Blu il 12 novembre accoglie "Keith Haring", grande mostra che ripercorre l'intera carriera artistica dell'artista statunitense e l'ampia gamma di tecniche espressive da lui indagate - pittura, disegno, scultura, video, murales, arte pubblica e commerciale. A cura di Kaoru Yanase, Chief Curator della Nakamura Keith Haring Collection da cui provengono le oltre 170 opere esposte, mai state in Europa prima d'ora, la mostra resterà allestita fino al 17 aprile 2022. Dai primi lavori di Haring fino agli ultimi, le opere comprendono molte serie complete quali Apocalypse (1988), Flowers, (1990) e diversi altri disegni, sculture nonché grandi opere su tela come Untitled (1985).

BERGAMO - Dalla città simbolo della pandemia alcuni tra i più importanti artisti internazionali (da Luigi Ontani a Francesco Vezzoli, da Nora Turato a Marinella Senatore) lanciano il proprio messaggio visivo e testuale al mondo, attraverso la mostra "Statements", a Palazzo della Ragione dal 12 novembre al 9 gennaio 2022. Le opere degli artisti, che hanno raccolto l'invito dell'associazione The Blank, avranno fruizione sia singola che collettiva: ciascuno statement infatti verrà appeso per un giorno al balcone di Palazzo della Ragione, e poi sarà collocato in una sala all'interno dell'edificio.

BOLOGNA - Un'originale mostra da ascoltare è "Bologna. Dicono di lei", dal 13 novembre al 30 gennaio 2022 al Museo Civico Archeologico di Bologna, nata a partire dalle centinaia di citazioni contenute nell'omonima guida letteraria edita da Elleboro: il percorso multimediale unisce audio e immagini attraverso i luoghi simbolo della città descritti dagli scrittori che l'hanno abitata o visitata. Samuele Bersani, Alessandro Haber, Neri Marcorè, Veronica Pivetti, Carla Signoris danno voce a Dante, Goethe, Byron, Hesse, Melville, Dickens, Madame De Stael, Stendhal, Ruskin e molti altri autori italiani e stranieri che nei secoli hanno scritto di Bologna.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie