Mostre a tutto Rinascimento, dalla scultura alla pittura

A Gibellina omaggio a Luigi Ghirri, a Brescia chiude Fellini

di Marzia Apice URBINO

URBINO - L'arte del Rinascimento, tra scultura e pittura, è la protagonista delle mostre allestite in questa settimana, ma non manca il contemporaneo, con gli omaggi a Luigi Ghirri e Federico Fellini.

URBINO - Il linguaggio raffinato di un grande artista del Rinascimento arriva a Palazzo Ducale grazie alla mostra "Perugino, il maestro di Raffaello", allestita dal 19 luglio e a cura di Vittorio Sgarbi. Attraverso 20 opere, con prestiti dalla Galleria Nazionale dell'Umbria, dal Museo di Arte Antica e di Arte Sacra di Sutri, dal museo del tesoro della Basilica di San Francesco di Assisi, oltre che dalla Galleria Nazionale delle Marche di Urbino, il percorso si concentra sul momento più fulgido della carriera del Perugino che per due decenni riuscì a godere di un successo incontrastato e ad attirare commissioni da ogni parte d'Italia, al punto da tenere due botteghe a Firenze e a Perugia.

MILANO - 120 opere provenienti dai più importanti musei del mondo per raccontare 60 anni di scultura rinascimentale: dopo il Louvre, fino al 24 ottobre al Castello Sforzesco la mostra "Il corpo e l'anima. Da Donatello a Michelangelo". Il percorso, studiato e progettato congiuntamente da Musée du Louvre e Castello Sforzesco, si articola in 4 sezioni e svela le modalità con cui artisti del calibro di Leonardo, Donatello, Raffaello, il Pollaiolo, Michelangelo, il Verrocchio, il Bambaia e molti altri ancora, rappresentarono la figura umana non solo prestando attenzione all'anatomia ma anche alla componente emotiva.

GIBELLINA (TP) - Si apre il 30 luglio con un doppio omaggio al grande fotografo italiano Luigi Ghirri "Images Gibellina", il primo festival di fotografia e arti visive open air e site-specific in programma fino al 29 agosto a Gibellina. A comporre il calendario della manifestazione ben 31 mostre, che vedono protagonisti alcuni dei principali artisti del panorama contemporaneo internazionale, come Bruce Gilden (USA), Stephen Gill (UK), Maurizio Galimberti (Italia), Batia Suter (Svizzera), Francesco Jodice (Italia), Riverboom (Italia/Svizzera), Fang Wen (Cina), Simona Ghizzoni (Italia), Massimo Siragusa(Italia), Jun Ahn (Corea), Robert Pufleb & Nadine Schlieper (Germania), Hayahisa Tomiyasu (Giappone), Giulia Piermarini/ Edoardo De Lille (Italia), Cécile Hummel (Svizzera), tutti chiamati a confrontarsi con allestimenti all'aperto.

SANTA SEVERA (RM) - Al Castello di Santa Severa fino al 19 settembre "Il volto dei libri. Libri da vedere", a cura di Giuseppe Garrera e Igor Patruno: attraverso una selezione di copertine particolarmente significative, dagli anni '50 a oggi, alcune realizzate da autori celebri (da Munari a Boetti e Rotella), il percorso racconta l'avventura visiva dei libri, il loro essere oggetti di culto da conservare e tramandare ancora prima di essere letti.

NUORO - Resteranno allestite fino al 23 gennaio 2022 negli spazi del MAN Museo d'Arte Provincia di Nuoro le mostre "Via San Gennaro", personale di Sonia Leimer (Merano, 1977), curata da Luigi Fassi e dedicata al progetto che ha vinto l'Italian Council del 2018, e "Vittorio Accornero - Edina Altara. Gruppo di famiglia con immagini", prima retrospettiva interamente concepita in omaggio al lavoro e alle figure di Vittorio Accornero de Testa (Casale Monferrato, 1896 - Milano, 1982) ed Edina Altara (Sassari, 1898 - Lanusei, 1983), curata da Luca Scarlini. Attraverso opere scultoree, video e disegni, esito di una ricerca sulle memorie italiane di Little Italy a Manhattan, "Via San Gennaro" documenta l'interesse di Leimer per l'investigazione di spazi metropolitani, metamorfosi sociali e trasformazioni urbanistiche. "Vittorio Accornero - Edina Altara.
    Gruppo di famiglia con immagini" ricostruisce invece la proficua ed eclettica carriera dei due grandi illustratori di libri per bambini e per adulti, che operarono nell'epoca dell'Art Déco, estendendo la propria attività all'intero mondo delle arti applicate.

BRESCIA - Chiude il 31 luglio al MO.CA Centro per le nuove culture di Brescia la mostra "Federico Fellini | Dietro le quinte", che documenta un lato meno noto del grande regista, quello più privato, distante dall'immagine ufficiale. A cura di Renato Corsini, il percorso presenta circa 50 scatti, molti dei quali vintage, tra i ritratti in sequenza di Sandro Becchetti, le fotografie di scena di Tazio Secchiaroli e quelle dell'Agenzia Dufoto, con il backstage dei film.    

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie