Le mostre del weekend, da Battaglia a Boldini e Oppi

A Milano e Trani protagonisti Emilio Vedova e Tina Modotti

di Marzia Apice MILANO

MILANO - Dagli sguardi sul mondo di Letizia Battaglia e Tina Modotti all'evoluzione artistica di Emilio Vedova e Giovanni Boldini: sono alcuni dei protagonisti delle mostre del prossimo weekend dell'Immacolata.
    MILANO - A Palazzo Reale i riflettori sono accesi sul lavoro negli anni di Letizia Battaglia: apre il 5 dicembre "Storie di strada", retrospettiva che presenta oltre 300 fotografie della grande artista. Allestita fino al 19 gennaio, la mostra ricostruisce per tappe e tematiche tutta la carriera della Battaglia, da sempre intellettuale controcorrente. Ancora a Palazzo Reale, altro omaggio a un grande artista italiano contemporaneo, Emilio Vedova: dal 6 dicembre al 9 febbraio, circa 60 opere, alcune anche di grandi dimensioni, realizzate dagli anni '40 agli anni '90 del '900, definiscono la parabola artistica di Vedova nel centenario della nascita. "17 Graffi.
    Piazza Fontana 50°" è la mostra in programma alla Casa della Memoria dal 7 al 20 dicembre. Esposte 17 fotografie (più una, scelta come immagine simbolica dell'intero percorso), ognuna delle quali corredata da un componimento poetico, per onorare le vittime della strage, realizzate da grandi autori, tra cui Berengo Gardin, Cito, Alessi e Violini.
    VICENZA - Dal 6 dicembre al 13 aprile grande appuntamento alla Basilica Palladiana con la mostra "Ritratto di donna. Il sogno degli anni Venti e lo sguardo di Ubaldo Oppi". Attraverso i dipinti di Oppi, accanto a quelli di altri artisti dell'epoca (da Sironi a Casorati, da Funi a Donghi), insieme a oggetti e abiti del tempo, il percorso documenta le tendenze dell'arte negli anni Venti, orientate verso una "classicità moderna", e la trasformazione dell'immagine della donna, vista dai pittori come creatura angelicata o tentatrice, ormai pronta a vivere con nuova consapevolezza il proprio ruolo nella società.
    BARLETTA - "Boldini. L'incantesimo della pittura. Capolavori dal Museo Boldini di Ferrara" è la mostra ospitata dal 7 dicembre al 3 maggio alla Pinacoteca De Nittis. Circa 70 opere declinano i nodi principali di Giovanni Boldini, dal paesaggio alla natura morta, dalle vedute di città al ritratto, in quella che è la prima monografica mai dedicata in Puglia al celebre ritrattista, collega di Giuseppe De Nittis a Parigi.
    TRANI - La fotografia che si fonde con la vita: è il filo conduttore di "Tina Modotti. Opere dalla Galerie Bilderwelt", a Palazzo delle Arti Beltrani dal 7 dicembre al 6 gennaio. Circa 50 fotografie definiscono l'evoluzione artistica della Modotti, dai primi lavori fino agli ultimi, in una continua riflessione sulle inquietudini sociali e politiche del primo '900.
    BOLOGNA - Il Museo Civico Archeologico ospita dal 7 dicembre al 24 maggio "Etruschi. Viaggio nella terra dei Rasna", esposizione che raccoglie circa 1000 oggetti provenienti da 60 musei ed enti italiani e internazionali. Il progetto documenta come non esista, quando si parla della civiltà etrusca, una sola Etruria, ma molteplici territori, dalle pianure del Po fino al Vesuvio, attraverso paesaggi appenninici e marini, lungo strade e corsi fluviali.
    MODENA - Oltre 50 fotografie inedite donate dall'artista giapponese Kenro Izu alla Fondazione Modena Arti Visive per rendere omaggio a uno dei siti archeologici più importanti al mondo: dal 7 dicembre al 13 aprile è allestita "Requiem for Pompei", mostra che propone immagini scattate tra le rovine, dove l'artista ha collocato, con un poetico gesto di pietà, le copie dei calchi originali dei corpi che spiccano come bianche sagome umane.
    NAPOLI - Al MANN apre il 5 dicembre "Thalassa. Meraviglie sommerse del Mediterraneo" per tracciare la natura polisemantica del Mare Nostrum. Allestita fino al 9 marzo, la mostra presenta oltre 400 reperti (tra oggetti in oro, coppe di vetro, parti di statue bronzee, oggetti e utensili) provenienti da istituzioni italiane e internazionali, che scandiscono i diversi filoni tematici.
    ROMA - Dal 7 dicembre alla Kou Gallery la mostra di Oreste Casalini "Per sempre", che si focalizza sull'incontro tra saperi provenienti da ambiti diversi. Il percorso presenta opere realizzate dall'artista con materiali e tecniche diversi a partire dal 1987, dedicate al tema della ricerca libera. (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie