Viaggio a Glasgow, la città sostenibile che ospita il Cop26

Il più grande centro della Scozia, impegnato nel turismo green

di Ida Bini GLASGOW

GLASGOW - E' al centro dell'attenzione del mondo la città di Glasgow che ospita fino al 12 novembre il COP 26, la più grande conferenza planetaria sui cambiamenti climatici. E' un centro portuale situato sul fiume Clyde, nelle Lowlands scozzesi occidentali; ed è la città più grande della Scozia, impegnata nel turismo green e sostenibile. E' una destinazione che attira viaggiatori responsabili e attenti all'ecologia, soprattutto adesso che è sotto lo sguardo degli ambientalisti di tutto il mondo. Nella città scozzese, dove sorgono vasti parchi e numerosi giardini, sono tante le mostre dedicate all'ambiente, così come i mezzi di trasporto e i ristoranti hanno un'impronta ecologica, mentre gli hotel sono stati premiati per gli sforzi in termini di sostenibilità.

E' il luogo perfetto dove passeggiare in mezzo alla natura tra colline ricoperte di verde e oltre 90 tra boschi e giardini che ricoprono l'area urbana, motivo per cui la città scozzese è conosciuta con il nomignolo "dear green place", caro luogo verde. Glasgow green è il parco più antico della città: si trova a est rispetto al centro e ospita il McLennan Arch e la spettacolare Doulton fountain, la più grande fontana in terracotta del mondo. Sempre a est, ma più insolito, Glasgow Necropolis è un cimitero-giardino vittoriano, ricco di storia e di stili architettonici, con una magnifica vista su Glasgow e sulla campagna che la circonda. A ovest della città sorgono i Glasgow Botanic Gardens, famosi in tutto il mondo per le loro imponenti serre e le vaste collezioni di piante tropicali. Nelle vicinanze, il pittoresco Kelvingrove Park è uno spazio verde d'epoca vittoriana di 34 ettari sulla riva del fiume Kelvin, che circonda il Kelvingrove Art Gallery and Museum. A pochi chilometri a sud della città, il Pollok Country Park offre numerose piste ciclabili, percorsi storici e una splendida casa circondata da giardini all'interno di un pascolo di mucche delle Highlands.

Per rispettare l'ambiente ed essere turisti sostenibili è consigliabile praticare l'urban trekking, cioè visitare la città semplicemente camminando. Glasgow offre anche la possibilità di partecipare a tour guidati (walkingtoursin.com/glasgow), ascoltando racconti e curiosità sulla sua storia e sulla sua architettura. Sono previsti anche itinerari tematici come quelli legati alla street art, alla scena musicale (glasgowmusiccitytours.com) e a Mackintosh, l'artista, architetto e designer più famoso di Glasgow; il tour ne esplora la vita, il lavoro e l'influenza. Gli appassionati delle due ruote possono pedalare in città con i Glasgow bike tour o noleggiare le biciclette - anche quelle con pedalata assistita - messe a disposizione dal Comune. Completa la visita ecologica alla città il Glasgow Science Centre dove l'esperienza "Powering the future" permette di esaminare il nostro consumo energetico e di esplorare le opzioni energetiche green, tra nozioni scientifiche ed esperimenti giocosi. Il centro museale offre sessioni online interattive che esplorano il tema del clima nel programma "Our world Our impact", previsti anche nel programma di COP 26. Sempre in ambito ambientalista "Going green - The drive for energy efficiency" è un'altra mostra che merita di essere vista nel Riverside museum, il cui edificio è stato progettato da Zaha Hadid, e che ruota attorno alla Tesla Model S P85+, il primo veicolo elettrico prodotto da questo brand e acquisito da un museo pubblico in Scozia.

A 20 minuti a sud di Glasgow è possibile esplorare oltre 130 chilometri di sentieri e ammirare le 200 turbine a vento di Whitelee, il più grande parco eolico del Regno Unito. All'interno il centro visitatori offre numerose attività da fare: mountain bike, noleggio biciclette e tour guidati in bus. Grande attenzione per l'ambiente e per l'ecosostenibilità la mostrano anche i negozi, i ristoranti e gli alberghi della città scozzese. Tante sono le boutique che vendono abbigliamento vintage, così come il negozio "Glad Rags Thrift", nel sud della città, aiuta a evitare di buttare via i vestiti usati e offre attività di volontariato e lavoro nella comunità. "Emily Rose Vintage" vende mobili riciclati, articoli per la casa, libri e regali mentre "Lovesome Emporium", boutique situata nella De Courcy's Arcade a West Glasgow, offre prodotti di bellezza ecologici. Anche la ristorazione è responsabile e attenta all'ambiente: molti ristoranti vegani e vegetariani offrono menu dedicati come "Mono", locale vegano nel cuore della Merchant City, rinomato per la sua atmosfera rilassata e la qualità dei prodotti; vanta anche un negozio di dischi e organizza regolarmente spettacoli e concerti. Il ristorante "Ubiquitous Chip" acquista prodotti di qualità e soprattutto non spreca cibo; il ristorante "Gamba" serve solo pesce proveniente da pesca sostenibile e il "Locavore Café" è un ristorante completamente biologico con un proprio orto.

Come arrivare a Glasgow? In treno, ovviamente, se si vuole essere green e ridurre la propria impronta carbonica. Proprio come ha fatto l'attivista svedese Greta Thunberg che ha viaggiato su un convoglio ferroviario per raggiungere la città scozzese prima del summit mondiale. Il Caledonian Sleeper train, per esempio, collega Londra alle principali località scozzesi viaggiando di notte.

Per maggiori informazioni: visitbritain.com, peoplemakeglasgow.com e glasgowlife.org.uk.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie