Lipsia celebra Johann Sebastian Bach

Dieci giorni di concerti e appuntamenti culturali nella città tedesca dove nacque il celebre compositore

di Ida Bini

Più di cento spettacoli e concerti per organo in 30 luoghi diversi, molti dei quali gratuiti, sono previsti dal 10 al 19 giugno a Lipsia, che come tutti gli anni celebra il famoso compositore Johann Sebastian Bach con un festival molto atteso, il Bachfest. Per dieci giorni la città dove nacque e che ispirò il grande compositore tedesco si trasforma in un palcoscenico d’eccezione con concerti classici e rivisitazioni moderne.

E’ un susseguirsi di festival e di appuntamenti artistici a Lipsia, una delle città più colte e dinamiche della Germania e culla di grandi compositori e artisti, ma questo tributo musicale è particolarmente atteso per la felice eredità culturale che il compositore ha lasciato ai cittadini della Sassonia.

Il programma del Bachfest prevede concerti e spettacoli nei luoghi più significativi della vita del compositore: innanzitutto la Thomaskirche, la chiesa protestante dove, dal 1723 al 1750, il maestro fu direttore del coro delle voci bianche Thomanerchor, la più antica istituzione musicale cittadina. La chiesa romanica ospita alle 17 il concerto inaugurale del 10 giugno, diretto da Gotthold Schwarz, cantore del coro delle voci bianche, con la partecipazione di organisti, soprani e tenori di fama internazionale; nella grande chiesa sono previsti anche alcuni concerti per organo e, tutti i giorni, quelli del coro di voci bianche.

Altri luoghi sacri aperti al pubblico durante il Bachfest sono le chiese di san Nicola, san Michele e la nuova Trinitatis. Aprono le proprie porte anche altre location legate a Bach: la sala da concerto Gewandhaus, la casa-museo di Bach, la sala del Municipio, l’Altes Rathaus, e l’antica sala della Borsa. Altri palcoscenici sono il museo Grassi per le arti applicate, la stazione e la piazza del Mercato con 7 appuntamenti in programma, dalla sera del 10 giugno con concerti dedicati alla musica di Bach, interpretati e rivisitati da musicisti internazionali; in particolare c’è attesa per il concerto del giovane organista e compositore statunitense Cameron Carpenter, previsto per il 12 giugno alle ore 21. La cinquecentesca Moritzbastei, il più importante centro culturale di Lipsia, ospita il 17 giugno alle 22.30 un concerto dove si potrà ascoltare Bach in chiave jazz, nell’ambito della rassegna Reflections in Jazz. Persino lo zoo della città sassone si è mobilitato per accogliere il 14 giugno la rassegna musicale African Reflections.

Durante il festival ci sarà un importante omaggio al compositore di musiche per organo Max Reger, a un secolo dalla sua scomparsa, per la sintonia e i frequenti richiami alle opere di Bach. Proprio per sottolineare l’affinità musicale dei due maestri, l’edizione del festival di quest’anno è stata intitolata “I segreti dell’armonia” e, per celebrarli, l’11 giugno nella sala della Gewandhaus si terrà il concerto per organo con le musiche di Max Reger e Johann Sebastian Bach interpretate da Michael Schönheit. La replica, per chi non riuscisse a ottenere i biglietti d’ingresso, è prevista per il 13 giugno alle ore 20 nella Thomaskirche.

Lipsia è famosa per la sua lunga tradizione musicale e il percorso “strada delle note”, segnalato da piccoli simboli musicali stilizzati in acciaio lungo i marciapiedi, porta alla scoperta dei luoghi cittadini della musica, tra musei, chiese e teatri. Infine, per chi vuole vivere l’entusiasmante atmosfera festivaliera di quei giorni può visitare un albergo totalmente ispirato a Bach, lo storico 4 stelle Arcona Living Bach, con vista sulla Thomaskirche e vicino alla casa museo del compositore, dove molte camere sono prenotate dai protagonisti dei tanti concerti ed eventi.

Per ulteriori prenotazioni e informazioni www.leipzig.travel e www.sassoniaturismo.it

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie