Viaggio nella Società Geografica Italiana per i 150 anni

Un convegno, mostre e porte aperte per il grande compleanno

di Cinzia Conti

ROMA - Esplorazioni, spedizioni e avventure, viaggi, scoperte ma anche commercio. Compie 150 anni proprio oggi la la Società Geografica Italiana. Una storia gloriosa che parte il 12 maggio del 1867 a Firenze e si trasferisce nel 1924 nella sede che ancora oggi occupa nel cinquecentesco Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, a due passi dal Colosseo.
Fin dalla nascita, la Società organizzò e patrocinò spedizioni e viaggi di scoperta in Asia Centrale, Africa, Sudamerica e Regioni Polari. L'attività di esplorazione, spesso connessa alla politica coloniale italiana, fu abbandonata dopo la seconda guerra mondiale ma l'amore per la scoperta e la conoscenza è rimasto forte e visibile nei meravigliosi libri, carte e fotografie conservate nei suoi enormi archivi.
 
La Biblioteca possiede circa 400.000 volumi e oltre 2.000 periodici, che ne fanno la raccolta documentaria specializzata più importante d'Italia e una delle più cospicue d'Europa. Il Fondo Antico custodisce migliaia di volumi, oltre a centinaia di atlanti che vanno dal Quattrocento all'Ottocento. La Cartoteca raccoglie circa 200.000 carte geografiche. La sezione Rari comprende oltre 200 documenti cartografici, tra antichi e rari, dal XV al XIX secolo. Di rilevante interesse è la raccolta di carte geografiche cinesi e giapponesi, appartenenti prevalentemente ai secoli XVIII e XIX, quasi tutte manoscritte. L'Archivio storico conserva e tramanda la memoria dell'attività della Società dalla sua fondazione. Esso custodisce la preziosa documentazione sulla storia dell'Istituto e migliaia di lettere, disegni e taccuini di viaggio. L'Archivio fotografico conserva oltre 400.000 fototipi (positivi, negativi, diapositive e cartoline d'epoca), materiali rari, spesso inediti che documentano luoghi, genti e paesaggi di quasi tutte le regioni della terra.

IL CONVEGNO INTERNAZIONALE
I 150 anni di questa storia affascinante saranno celebrati a Roma il prossimo 16 maggio nel corso di un convegno internazionale alla presenza, tra gli altri, del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il convegno, che in apertura vedrà anche la presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo Dario Franceschini e del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Valeria Fedeli, sarà l'occasione per riconsiderare il ruolo delle Società Geografiche nell'attuale tornante storico che è segnato dai processi di globalizzazione e di ristrutturazione complessiva degli spazi terrestri.
LA MSOTRA ITINERANTE
La mostra documentaria dal titolo "La geografia di una storia. La Società Geografica Italiana in 150 anni di storia italiana tra ricerca scientifica, diffusione culturale e impegno sociale", avrà natura fotografica, cartografica, multimediale e sarà realizzata in due sedi: Firenze, luogo di nascita della Società Geografica Italiana nel 1867, presso le sale espositive dell'Archivio Storico della Città e Roma.
Nella Capitale l'esposizione sarà inaugurata in occasione del
Convegno Internazionale il giorno martedì 16 maggio 2017, presso Palazzetto Mattei.
LE ATTIVITÀ SEMINARIALI
La sede della Società Geografica Italiana ospiterà una serie di incontri, intesi quale spunto di aggiornamento e ulteriore
riflessione, che vedranno confrontarsi personaggi del mondo politico e scientifico-culturale sui temi affrontati dal Rapporto annuale: "Riordino del Territorio dello Stato", "Paesaggi italiani", "Italia nel Mediterraneo", "Turismo e Territorio", "Trasporti", "Fenomeno migratorio", "Nuovi spazi dell'agricoltura". Un particolare rilievo sarà dato alla ricorrenza del sessantennale dei Trattati di Roma che condussero alla nascita dell'Unione europea.
IL CONGRESSO GEOGRAFICO
Il XXXII Congresso Geografico Italiano, promosso dall'Associazione dei Geografi Italiani, si svolgerà a Roma,
presso la Scuola di Lettere Filosofia Lingue dell'Università Roma Tre, dal 7 al 9 giugno 2017, mentre la mattina del 10
giugno si svolgeranno le escursioni congressuali. Nell'anno in cui ricorrono il centenario della Rivoluzione d'Ottobre, e il
cinquecentenario della Riforma luterana, il tema del Congresso sarà appunto "L'apporto della Geografia tra rivoluzioni e
riforme". Anche in quest'occasione sarà dato ampio spazio alle celebrazioni per il cento cinquantenario della fondazione della Società Geografia Italiana, con una serata dedicata giovedì 8 giugno 2017.

PORTE APERTE IN SOCIETÀ GEOGRAFICA
La Società Geografica Italiana organizza, in occasione dei suoi 150 anni, visite guidate della sua sede nello storico
Palazzetto Mattei, del XVI secolo, in Villa Celimontana, con esposizione di carte geografiche, materiali d'archivio, libri
antichi e fotografie. Le visite si ripeteranno per una volta al mese nell'arco di tutto il 150/o, per gruppi di massimo 30
persone e su prenotazione.
Per info www.societageografica.it

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie