Duino Aurisina è la "Città del Vino 2022"

Convention Città del Vino 19-21 novembre, Barolo passa consegne

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA - Duino Aurisina (Devin Nabrežina in sloveno) è la nuova Città Italiana del Vino 2022. Il Comune enoturistico in provincia di Trieste supera "l'esame" della commissione tecnica del consiglio nazionale dell'Associazione Città del Vino, spuntandola su altre candidature, come Menfi (Agrigento) e Ziano Piacentino (Piacenza), grazie a un dossier che la vede capofila di "un ricco programma d'iniziative che coinvolge altre Città del Vino del Friuli Venezia Giulia, ma anche delle vicine Slovenia e Croazia, in un'ottica di collaborazione europea e transfrontaliera". La nomina verrà ufficializzata durante la Convention delle Città del Vino (19-21 novembre) con il passaggio delle consegne tra Renata Bianco, sindaco di Barolo (Città del Vino Italiana 2021) e Daniela Pallotta, sindaco di Duino Aurisina.

"Il riconoscimento a Duino Aurisina- commenta il presidente di Città del Vino, Floriano Zambon- ha un alto valore anche in un'ottica di collaborazione europea tra Paesi vicini e confinanti. Il Carso è da sempre un territorio di influenze tra lingue e culture diverse e il titolo di Città Italiana del Vino 2022 è anche un omaggio a una condivisione di valori e di reciproca collaborazione tra territori e culture diverse. Anche in questo caso l'enoturismo e la difesa delle economie locali è un grande terreno di unione e confronto". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie