Vino: da Doc Lacrima Morro d'Alba cosmetici e integratori

Comune e Università Camerino per progetto aiuto economia locale

Redazione ANSA MORRO D'ALBA
(ANSA) - MORRO D'ALBA, 19 GIU - Cosmetici e integratori alimentari dagli scarti della produzione della Doc marchigiana "Lacrima di Morro D'Alba". E' l'idea di "Vinum", un progetto che si propone di 'riciclare' vinaccia e feccia per farne prodotti di bellezza e per la salute, e a cui stanno lavorando il Comune di Morro d'Alba, patria del vino 'Lacrima' , insieme a Università di Camerino responsabile della parte scientifica, e le aziende vitivinicole locali. Occasione per raccontare il progetto è stato il Green Loop Festival, festival artistico sull'economia circolare, i corso in questi giorni tra i vigneti della zona.

Sfruttando le proprietà benefiche degli scarti della lavorazione dei grappoli - a bacca rossa e dall'inconfondibile profumo di rosa - Vinum "si propone di far diventare il rifiuto risorsa, nel rispetto dei principi dell'economia circolare, trasformando ciò che andrebbe altrimenti buttato in prodotti di bellezza e nutraceutica", hanno spiegato i promotori. "ll progetto - ha aggiunto il sindaco Enrico Ciarimboli - punta anche ad allargare il mercato della Lacrima facendone un brand e non solo una Doc, sostenendo l'economia del territorio». (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie