Sommelier Ais, Guida Vitae 2020 premia pratiche green

Atteso alla maxi degustazione il premier Conte

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA - Debutto in società, a Roma presso La Nuvola dell'archistar Fuksas, della Guida Vitae 2020, edita dall'Associazione Italiana Sommelier che danno il via nella Capitale a una due giorni di degustazioni dei migliori vini italiani recensiti.

Tema portante della sesta edizione della Guida è la sostenibilità ambientale, messa in evidenza da un numero sempre maggiore di aziende che si dedicano a pratiche rispettose della natura. Del resto, in ambito vitivinicolo l'Italia gode della flessibilità di un patrimonio ampelografico di immenso valore e della straordinaria variabilità geomorfologica del territorio, un autentico marchio di fabbrica che permette di creare vini dalla forte identità. L'attenzione al cambiamento climatico è rappresentata attraverso una galleria fotografica in cui protagoniste sono le nuvole, sentinelle del nostro pianeta, immortalate mentre campeggiano sui vigneti in molteplici fisionomie: dalla candida purezza alla minaccia temporalesca, dalla staticità stratificata alla fuggevolezza leggiadra e trasognata. Con la loro instabile bellezza, rappresentano un segno del nostro tempo, degli interrogativi che lo attraversano, ma anche della speranza di orizzonti più sereni. Ventidue sono le etichette alle quali è stato attribuito il Tastevin Ais, il prestigioso premio che l'Associazione Italiana Sommelier conferisce a chi ha contribuito a imprimere una svolta produttiva al territorio di origine, a chi rappresenta un modello di riferimento di indiscusso valore nella rispettiva zona e a chi ha riportato sotto i riflettori vitigni dimenticati. Sono circa 3.000 i produttori che hanno accettato di mettersi in discussione e più di 30.000 i vini degustati rigorosamente alla cieca da un migliaio di Sommelier. Tra questi sono oltre 600 i vini premiati con il massimo riconoscimento: le Quattro Viti.

Sfogliando la guida si ritrovano la Freccia di Cupido, assegnata ai vini in grado di suscitare emozioni al primo sorso, e il Salvadanaio, che identifica una spiccata qualità, con un occhio attento al prezzo di vendita. Da quest'anno è segnalata anche la produzione di olio extravergine d'oliva. Accanto alla guida cartacea è disponibile anche un'app, un utile strumento da portare comodamente con sé. Per la grande degustazione degli oltre 600 vini premiati è stato scelto un luogo simbolico, in sintonia con il tema iconografico della guida: la prestigiosa Nuvola di Fuksas, sabato 26 ottobre, dalle ore 11 alle 19. Una presentazione speciale, che ha ottenuto il Patrocinio della Regione Lazio, e alla quale ha dato l'adesione una nutrita rappresentanza delle Istituzioni. (ANSA).

Per la stesura della Guida Vitae 2020, ricorda il presidente dell'Ais Antonello Maietta, ''oltre 3000 produttori di vino hanno accettato di mettersi in discussione e un migliaio di Sommelier chiamati a porre sotto la lente di ingrandimento quasi 30.000 vini, tutti degustati rigorosamente alla cieca''.

Da questo lavoro certosino è scaturita la selezione''. Ecco le 22 produzioni vinicole premiate, regione per regione, con i Tastevin Ais dalla Guida Vitae 2020, edita dall'Associazione Italiana Sommelier e presentata oggi a Roma: Valle d'Aosta: Chambave Muscat Flétri Prieuré 2017 - La crotta di Vegneron; Piemonte: Gavi dei Gavi etichetta nera 2018 - La Scolca; Lombardia: Oltrepò Pavese rosso Cavariola Riserva 2015 - Bruno Verdi; Veneto: Colli Euganei Fior d'arancio passito 2017 - Ca' Lustra Zanovello; Trentino: Trentino Vino Santo 2002 - Gino Pedrotti; Alto Adige: Alto Adige Santa Maddalena classico annver 2017 - Pfannenstielhof; Friuli Venezia Giulia: Malvasia 2015 - Podversic; Liguria: Berette 2017 - La Ricolla; Emilia: Colli Bolognesi Riesling Le vaie 2017 - Isola; Romagna: Albana passito Domus aurea 2017 - Ferrucci; Toscana: Brunello di Montalcino Poggio alle mura riserva 2013 - Banfi; Umbria: Amelia Vin Santo Caratelli al pozzo 2013 - La Palazzola; Marche: Verdicchio dei Castelli di Jesi spumante brut 2013 - Garofoli; Lazio: Habemus etichetta rossa 2016 - San Giovenale; Abruzzo: Trebbiano d'Abruzzo Vigna del convento di Capestrano 2018 - Valle Reale; Molise: Molise rosso Don Luigi riserva 2015 - Di Majo Norante; Campania: Taurasi Campore riserva 2008 - Terredora; Puglia: Le Braci 2013 - Garofano Vigneti e Cantine; Basilicata: Aglianico del Vulture superiore Serpara 2015 - Re Manfredi Cantine Terre degli Svevi; Calabria: Armacia 2018 - Criserà; Sicilia: Nerobufaleffj 2016 - Gulfi; Sardegna: Santigaìni 2015 - Capichera.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie