Vinitaly: nell'anno del Dolcetto, Ovada lancia 'rivoluzione'

Alla kermesse debutta Consorzio giovane che porta vecchie annate

Redazione ANSA TORINO
(ANSA) - TORINO, 5 APR - Dal Piemonte arriva a Vinitaly la 'rivoluzione' dell'Ovada, una piccola docg della provincia di Alessandria al confine con la Liguria, che cerca rilancio nell''Anno del Dolcetto' promosso dalla Regione Piemonte per promuovere uno dei più antichi vitigni. E alla kermesse di Verona il Consorzio di Produttori dell'Ovada, nato nel 2013 e per la prima volta presente, lancerà l'#Ovada revolution, proponendo, tra l'altro, una degustazione delle annate più recenti, il 2016 e il 2017, ma anche di bottiglie molto più datate, fino a quelle delle vendemmie 1998 e 1991. "Negli ultimi decenni - spiega Daniele Oddone, vicepresidente del Consorzio - i produttori dell'Ovadese hanno privilegiato una produzione con vendita a greve termine, a pochi mesi dalla vendemmia. Ma il vitigno Dolcetto ha caratteristiche tali da poter produrre vini eccellenti e longevi. Abbiamo unito le forze - prosegue Oddone - il vitigno Dolcetto non è semplice da coltivare e ne abbiamo fatto un grande vino, ricco di piacevoli sorprese". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie