Moscato d'Asti Docg Canelli cresce, +90% dal 2011

Eccellenza punta a 500mila bottiglie nel 2018

Redazione ANSA ASTI
(ANSA) - ASTI - La denominazione è giovane ma in pochi anni ha segnato un incremento del 90% approdando con facilità sui mercati esteri. Il Canelli, la sottozona del Moscato d'Asti Docg che può essere prodotta nelle vigne più vocate di 23 Comuni fra il Sud Astigiano e la Langa, è in costante crescita dalla prima vendemmia del 2011.

"Ormai è un obiettivo quasi certo arrivare alle 500 mila bottiglie nel 2018 e anzi andare oltre per puntare al milione di bottiglie in pochi anni - commenta Gianmario Cerutti, presidente dell'Associazione Produttori Moscato Canelli -. La crescita degli ultimi anni è dovuta alla rivendicazione del Canelli di nuove e importanti aziende: oggi siamo 17, ma entro la fine dell'anno supereremo le venti".

Per promuovere questa eccellenza sabato 7 luglio, a Canelli, torna la lunga notte "dolce", quinta edizione de "Il Canelli e i colori del vino", una manifestazione organizzata organizzata dall'Associazione Produttori Moscato Canelli in collaborazione con l'Enoteca Regionale di Canelli e dell'Astesana, il Comune e la Pro loco Antico Borgo Villanuova.(ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie