A ProWein Italia e' primo Paese espositore con 1700 cantine

In nove mesi +2% in valore vendite vino italiano in Germania

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Nozze d'argento tra ProWein e Italia che, alla 25/ma edizione della Fiera internazionale dei vini e liquori in programma a Dusseldorf dal 18 al 20 marzo, vede consolidare il sodalizio e crescere il numero degli espositori in Germania. ''Tra i 62 Paesi presenti in fiera per un totale di 6.615 espositori, l'Italia fa la parte del leone per spazio espositivo, pari a 13mila metri quadri - ha annunciato il direttore di ProWein Marius Berlemann - e soprattutto per le presenze, 1700, delle aziende vinicole che rappresentano il 29% degli espositori. Più della Francia, che ne ha 1500 (27%), e della stessa Germania enoica con 988 aziende presenti''.

Piemonte, Toscana e Puglia sono le tre regioni a vocazione vinicola più rappresentate in fiera, rispettivamente con 280, 235 e 119 aziende presenti.

Nella fiera che ha nell'apertura a solo visitatori professionali (58.500 nel 2017) la sua storica chiave di successo, la compagine azzurra mira a consolidare le vendite di vino italiano in Germania che, nei primi nove mesi dello scorso anno sono cresciute del 2% in valore (710 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2016 e che, secondo le previsioni, dovrebbero attestarsi sul +3% nell'intero 2017.

Consolidando l'export in mercati asiatici tramite ProWine China e la neonata ProWine Asia, oltre che negli Stati Uniti, perché nel salone di Dusseldorf sono cresciuti del 22% nel 2017 rispetto al 2016 i buyer americani. ''Gli italiani hanno emozioni da vendere - ha detto Sofia Biancolin, neo presidente delle Donne del Vino del Lazio - ma la Germania è un mercato arduo perché i tedeschi bevono solo i vini che conoscono o gli autoctoni ben comunicati''. Tra le novità dell'edizione 2018, a Dusseldorf, il focus sulle bevande artigianali, sia birre che liquori, che ospiterà la mostra "Same but different" e la Fizz Lounge dedicata ai bar e alla gastronomia di tendenza. Inoltre spazio più ambio per il settore biologico; stand collettivo del governo giapponese sul Sake; stand dell'Ungheria con le diverse tipologie di acquaviti di frutta (Palinka). Oltre 500 tra degustazioni e convegni; vetrina per i vini del premio internazionale Mundus Vini e Champagne Lounge con 40 maison e oltre 150 marchi. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie