Aceto Balsamico Igp, al via adesione al Made Green in Italy

Al termine dell'iter si potrà apporre sui prodotti il marchio

Redazione ANSA ROMA

Al via l'adesione del Consorzio dell'Aceto Balsamico di Modena Igp al "Made Green in Italy", lo schema nazionale volontario per la valutazione e la comunicazione dell'impronta ambientale dei prodotti Made in Italy. L'iniziativa si inserisce parallelamente al piano di azione denominato "Farm to Fork" della Commissione europea con la finalità di guidare nel prossimo decennio la transizione verso un sistema alimentare sostenibile. Lo schema Made Green in Italy - spiega nel merito l'organismo di tutela - è basato sulla metodologia Pef (Product environmental footprint), sviluppata dalla Commissione europea per promuovere modelli sostenibili di produzione e consumo". Viene inoltre specificato che "il primo passo sarà la definizione delle Regole di Categoria di Prodotto (Rcp), alla quale il Consorzio sta lavorando grazie ad un finanziamento ottenuto dal ministero dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare". E' poi chiarito che "successivamente alla definizione delle Rcp, i produttori potranno elaborare la propria impronta ambientale Pef e, in caso di superamento della soglia definita dalle Rcp, apporre sui propri prodotti il marchio Made Green in Italy". "Le tematiche relative al ridotto impatto ambientale, all'economia circolare e alla sostenibilità ambientale - afferma il direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena Igp Federico Desimoni - oggi più che mai sono diventate un importante valore aggiunto non solo per il territorio ma, soprattutto, agli occhi di un consumatore sempre più alla ricerca di questi contenuti e disposto a riconoscerne il valore. Vediamo quindi positivamente il rilascio e la possibilità di utilizzare un logo come il Made Green in Italy che riconosca tali virtuosità". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie