Buone prospettive di mercato per il kiwi, ma va difesa la qualità

Iko, no alle raccolte anticipate

Redazione ANSA ROMA

ROMA - Scenario di mercato favorevole e buone prospettive per il kiwi. E' quanto emerso dalla 38esima Convention dell'International Kiwi Organization - IKO, che si è svolta a Torino.

La stagione del kiwi nell'Emisfero Sud volge al termine, seguendo un andamento commerciale regolare, con il Cile che chiude in questi giorni gli imbarchi verso mete oltreoceano e la Nuova Zelanda che si presta a concludere le spedizioni tra qualche settimana. Per quanto riguarda l'Emisfero Nord, IKO prevede per il 2019 una produzione equilibrata, non eccedentaria e di buona qualità. Alla sostanziale stabilità dei quantitativi in Grecia e Francia si affiancherà una contrazione nell'ordine del 10% del raccolto italiano.

Con un quadro generale come questo, i 38 delegati IKO riuniti attorno al Tavolo torinese sono decisi nello schierarsi a difesa della qualità e della corretta valorizzazione del prodotto. A tale scopo, si legge in una nota, va assolutamente scongiurato il rischio di raccolte anticipate, una tentazione per alcuni produttori ancor più forte in una situazione come quella attuale. Le conseguenze sarebbero pesanti e potrebbero incidere negativamente sulla stagione sin dalle sue battute iniziali non solo per gli operatori della filiera ma anche per i distributori che potrebbero vedere pregiudicata la loro redditività nel medio lungo termine a causa di un giudizio falsato del consumatore sulla qualità generale proposta. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie