Da Monini un milione nuovi olivi entro 2030

Oltre 650 mila già piantumati tra Umbria e Toscana

Redazione ANSA SPOLETO (PERUGIA)
(ANSA) - SPOLETO (PERUGIA), 24 NOV - Un milione di nuovi olivi nel cuore dell'Italia entro il 2030, di cui oltre 650 mila già piantumati tra Umbria e Toscana e coltivati al 100% in regime biologico: in occasione della Giornata mondiale dell'olivo, istituita il 26 novembre di ogni anno dall'Unesco, Monini presenta i primi risultati del progetto Bosco Monini, avviato due anni fa.

L'azienda sottolinea, attraverso una nota, che il nuovo "polmone verde", realizzato prevalentemente su terreni abbandonati e riqualificati, "ha infatti un forte impatto ambientale: le nuove piante proteggono la salute del terreno e lo preservano da rischi di erosione, tutelano la ricchezza dell'olivicoltura italiana e delle sue cultivar e instaurano un sistema virtuoso di salvaguardia della biodiversità". Gli alberi consentiranno di sequestrare fino a 50 mila tonnellate di anidride carbonica in 10 anni. Un dato che si somma al progetto "100% carbon neutral", dedicato a Monini classico e a quello Delicato.

"Con questo progetto - spiega Zefferino Monini, presidente e ad dell'azienda - vogliamo contribuire a promuovere un'olivicoltura di qualità che sia italiana fin dall'origine e che sia sostenibile sotto il profilo ambientale, sociale ed economico. L'olivo rappresenta per la nostra famiglia la vita da oltre tre generazioni e con questo progetto vogliamo difendere il nostro futuro e quello di chi verrà dopo di noi". (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie