Da rifiuti a risorsa, biocombustibili con le tribbie di birra

Da ricercatori Sotacarbo le basi per i futuri impianti

Redazione ANSA CARBONIA

(ANSA) - CARBONIA - Le trebbie di birra nuova scommessa nel cammino della transizione energetica. Con un doppio risultato: riduzione dei costi dell'energia e risparmi nello smaltimento dei rifiuti, che da scarti diventano risorse.

L'approdo finale è la progettazione e realizzazione degli impianti da cui ricavare i biocombustibili, fino ad arrivare al metano e all'idrogeno. A muovere i primi passi per passare dalla teoria alla pratica sono quattro ricercatori della Sotacarbo, società pubblica partecipata al 50% da Regione Sardegna e Enea, costituita per sviluppare tecnologie innovative e avanzate nell'utilizzo del carbone con sede nella Grande Miniera di Serbariu, a Carbonia.

I risultati della ricerca, ottenuti attraverso un nuvo medoto di studio delle reazioni delle trebbie nel processo di conversione in energia, sono ora a disposizione dell'intera comunità scientifica con la pubblicazione nella rivista Renewable Energy dell'articolo frutto del lavoro di Federica Dessì, Mauro Mureddu, Francesca Ferrara e Alberto Pettinau. "Le trebbie di birra - spiegano i ricercatori - sono la parte insolubile non degradata dei chicchi d'orzo e rappresentano il principale sottoprodotto nell'industria birraria, con una produzione media di circa 20 kg per 100 litri di birra. Ricche di cellulosa, emicellulosa e lignina, sono ideali per la conversione termochimica in biocombustibili e prodotti chimici ad alto valore aggiunto nei processi di pirolisi e gassificazione".

Il metodo messo a punto da Sotacarbo rappresenta il più recente contributo scientifico di rilievo nato dall'accordo di collaborazione tra l'organismo di ricerca isolano e il Netl (National Energy Technology Laboratory del Dipartimento per l'Energia degli Stati Uniti). I risultati ottenuti permettono infatti di calibrare e validare il modello di fluidodinamica computazionale (Cfd) messo a punto dai colleghi americani per prevedere le prestazioni del gassificatore down-draft su scala pilota (40 kWth) in costruzione presso il Centro Ricerche Sotacarbo e progettato specificamente per la valorizzazione di biomasse lignocellulosiche, quali le trebbie di birra. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie