Olio palma in biodiesel Ue, partita da giocare in 3 mesi

"Argomenti ambientalisti utilizzati come giustificazione"

Redazione ANSA

Tempi stretti per il destino delle esportazioni di biocarburanti di olio palma in Europa dopo il 2020. Entro la metà di dicembre, infatti, è attesa la votazione finale di tutti i parlamentari Ue della direttiva per bloccare gradualmente il palma nelle miscele, perché causerebbe la deforestazione nei territori dei paesi produttori.

A ricordare l'iter del provvedimento, dopo la risoluzione dell'aprile scorso, è la newsletter dell'industria petrolifera malese, secondo la quale ''gli argomenti ambientalisti vengono utilizzati come giustificazione per imporre una barriera commerciale all'olio di palma che, nonostante i vari tentativi di eliminarlo, rimane tra i biocarburanti più utilizzati nell'Ue''.

A oggi ben il 46% di palma importato in Europa viene utilizzato per produrre biodiesel, ma i coltivatori dell'Unione, fa sapere la news letter, non potendo competere nel mercato con il palma, si rivolgono ai politici per promuovere un sistema a loro favore. La decisione di Bruxelles è attesa dalle aziende di tutti i paesi produttori e da milioni di piccoli agricoltori, che potrebbero vedere scomparire un mercato importante per le loro economie.

La risoluzione del Parlamento approvata ad aprile scorso a favore dell'eliminazione del palma, infatti, ricorda la newsletter, non era giuridicamente vincolante.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie