Per studio Ong glifosato è cancerogeno, 'carenze agenzie Ue'

Si riaccendo lo scontro sull'erbicida più usato al mondo

Redazione ANSA STRASBURGO
(ANSA) - STRASBURGO, 08 GIU - "Le prove scientifiche che dimostrano che il glifosato è cancerogeno sono state finora ignorate nella valutazione dell'Ue" che presenta "gravi carenze scientifiche e distorsioni nell'interpretazione degli standard scientifici". Lo afferma in una nota la Ong Heal, presentando uno studio che ha esaminato le 11 ricerche sugli animali forniti dalle aziende come parte della domanda di rinnovo dell'autorizzazione dell'erbicida. Lo studio "supporta chiaramente la classificazione del glifosato dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) come probabile cancerogeno" si legge in una nota di Heal. La controversia sull'erbicida più usato al mondo si ripropone come cinque anni fa, all'epoca della sua riautorizzazione. Secondo la valutazione dell'Agenzia europea delle sostanze chimiche (Echa), la sostanza non è cancerogena. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha annunciato un ritardo nella formulazione delle conclusioni, dovuto al grande numero di contributi ricevuti durante la consultazione pubblica. Di conseguenza la durata della licenza del glifosato, che scade a fine anno, dovrebbe essere prorogata. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie