Formaggi stagionati nelle grotte a 200 metri di profondità

Nelle celle ipogee della Predaia 160 forme di Trentingrana

Redazione ANSA TRENTO

Dopo le mele e il Trentodoc, un altro prodotto dell'eccellenza trentina ha trovato casa nelle celle ipogee. Le prime 160 forme di Trentingrana riposeranno per un anno nel cuore della montagna, a 200 metri nel sottosuolo, all'interno delle grotte ricavate dalle immense cave di dolomia messe a disposizione dal Gruppo Miniera San Romedio nel comune di Predaia. Poco più in là si trovano le celle di conservazione delle mele Melinda e la cantina dello spumante Altemasi Trentodoc di Cavit. La cerimonia che ha dato il via alla fase sperimentale si è tenuta oggi, presenti il presidente della Cooperazione trentina, Roberto Simoni, il presidente di Trentingrana Concast Stefano Albasini, e molti rappresentanti istituzionali: tra questi il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, l'assessora all'agricoltura Giulia Zanotelli e l'assessore alla cooperazione Mario Tonina.

Oggi è stato dato il via ad una fase sperimentale che - si legge in una nota della Cooperazione - precorre un progetto di conservazione e stagionatura ipogea entro il 2025 per circa 30 mila forme di Trentingrana. Il Consorzio svilupperà l'iniziativa in collaborazione con il Gruppo Miniera San Romedio: la conservazione delle forme offre quindi una seconda vita agli spazi ipogei. Le condizioni delle grotte - prosegue la nota - rappresentano un presupposto ideale per ridurre i consumi di energia: l'ammasso roccioso è un isolante naturale le cui proprietà termiche aumentano con il tempo, a differenza di quanto accade per i magazzini tradizionali, e l'ambiente sotterraneo non è soggetto ai picchi di temperatura che si verificano nei periodi estivo e invernale. «La temperatura normale di stagionatura è di circa 16-18 gradi, che verranno raggiunti attraverso un sistema di riscaldamento a pompe di calore», ha informato il responsabile tecnico del progetto, l'ingegner Lorenzo Berloffa. A presidiare sulla bontà dei formaggi in sperimentazione - spiega ancora la nota - ci sarà una commissione valutativa che, a conclusione del progetto, effettuerà controlli e assaggi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie