Fase 2: chef Sacco riapre al grattacielo Intesa Sanpaolo

Ripartono Piano 35 e Piccolo Lago

Redazione ANSA TORINO

(ANSA) - TORINO - Lo chef due stelle Michelin, dopo questi mesi di chiusura imposta dal lockdown, riaprirà dal primo giugno entrambi i ristoranti gestiti dalla sua famiglia sul territorio piemontese: Piccolo Lago, sulle rive del lago di Mergozzo a Verbania, e Piano35, in cima al grattacielo Intesa Sanpaolo a Torino.

"Non vediamo l'ora di poter tornare a cucinare per i nostri clienti e non vediamo l'ora di poter ampliare la nostra offerta, chiosa lo chef Marco Sacco. Dal primo giugno il Piccolo Lago sarà un giardino aperto, conviviale, nel pieno rispetto di tutte le nuove normative", dice lo chef. "Noi ristoratori, per primi, dobbiamo parlare a chi vive qui o a chi uscendo dalle città cerca luoghi dove respirare bellezza e serenità. Vogliamo essere un punto di riferimento per l'intera stagione estiva per tutti coloro che desiderano passare una mezza giornata a piedi nudi sull'erba, fare un giro gastronomico a bordo della nostra barca rigorosamente elettrica, o semplicemente provare la nostra cucina in uno scenario incantevole".

Alla sera, sempre a partire dal primo giugno, il Piccolo Lago riaccenderà le luci della sua grande sala e tornerà, dal mercoledì alla domenica, a proporre la sua visione di alta cucina. A Torino Piano35 aprirà inizialmente la sera, dalle 19.30 alle 22.00. Il locale manterrà i suoi 60 coperti e molti dei tavoli verranno distribuiti lungo tutto il perimetro della bellissima serra bioclimatica, che permetterà di cenare affacciandosi sul panorama unico della città sabauda e godere della straordinaria atmosfera del moderno giardino progettato da Renzo Piano a 150 metri d'altezza. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie