Da rifiuti vegetali a materiali utili, grazie a un enzima

Li trasforma in plastica, nylon, prodotti chimici e combustibile

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Dopo l'enzima mangia-plastica scoperto in aprile, lo stesso gruppo di ricerca ha scoperto una famiglia di enzimi capaci di trasformare i rifiuti vegetali in materiali utili e sostenibili. La ricerca, guidata dall'università britannica di Portsmouth e pubblicata su Nature Communications, offre anche ulteriori vantaggi, riducendo la dipendenza dal petrolio per realizzare prodotti e materiali e offrendo un'attraente alternativa all'utilizzo degli scarti vegetali come combustibile, abbassando quindi le emissioni di CO2. La nuova famiglia di enzimi agisce su uno dei principali componenti delle piante, la lignina, che fa da "impalcatura", è essenziale per la distribuzione dell'acqua e costituisce anche una difesa da organismi nocivi. "Per proteggere la loro riserva di zuccheri, la cellulosa, le piante hanno evoluto un materiale complicato e affascinante chiamato lignina, che solo pochissimi funghi e batteri riescono ad aggredire", commenta John McGeehan, alla guida del gruppo. "Ma la lignina rappresenta anche una vastissima fonte potenziale di materiali sostenibili, perciò trovare un modo per estrarre e sfruttare i suoi componenti fondamentali è davvero un grande successo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie