Fipe lancia'Professione barman'per diventare re di cocktail

A fine corsi gli allievi si cimenteranno in una gara

Redazione ANSA ROMA

- ROMA - Tutto quello che serve per essere un barman professionista all'altezza di un mestiere sempre più esigente. Con questo spirito la Fipe - Federazione Italiana Pubblici Esercizi lancia "Professione Barman", un ciclo di incontri di aggiornamento e formazione su tutto il territorio nazionale, realizzati in collaborazione con le associazioni di riferimento territoriali e rivolti sia agli operatori, che a tutti coloro che desiderano lavorare nel settore.

"La Fipe da anni presta particolare attenzione all'aspetto formativo dei professionisti del bar - dichiara Marcello Fiore, direttore generale della Fipe - Un mondo in fermento che vede la crescente presenza di giovani interessati ad avvicinarsi a questa realtà che in Italia comprende, secondo gli ultimi dati, circa 150.000 bar, per un numero complessivo di 213.000 addetti di cui oltre 24.000 apprendisti. Con questo programma di corsi la Federazione si propone di strutturare maggiormente la propria offerta, incrementando al contempo la sinergia con le associazioni territoriali su tutto il territorio nazionale". I corsi, organizzati in diverse città italiane in collaborazione con le associazioni locali, sono tenuti da Pierluigi Cucchi e saranno articolati in due differenti moduli: primo e secondo livello. Quello di primo livello è un corso che si propone di fornire le conoscenze del mondo del bar a tutti coloro che siano interessati a questa professione, sia per ragioni professionali che per interesse personale. L'incontro, articolato in aspetti teorici e pratici, intende fornire ai partecipanti le conoscenze per selezionare e fruire al meglio dei vari prodotti, approfondire le competenze in fatto di vini, liquori e distillati, trasmettere le indicazioni utili per una corretta preparazione e miscelazione di cocktail e long drink. Ampio spazio sarà dato alle esercitazioni pratiche, mentre particolare attenzione sarà rivolta alla capacità di proporre, accanto ai cocktail internazionali, nuovi drink di tendenza. Il secondo livello è invece un corso ad alta specializzazione principalmente focalizzato sulle tecniche di preparazione e miscelazione di cocktail e long drink. Un percorso formativo di carattere prevalentemente pratico, rivolto a coloro che hanno già frequentato il corso di primo livello.

Alle lezioni saranno inoltre presenti responsabili della Fipe per approfondire materie di particolare rilevanza per il settore: business e gestione dell'impresa; normative vigenti (igienico-sanitaria, gestione del rapporto di lavoro, ecc.); start up e i servizi del sistema Fipe - Confcommercio. A conclusione dei corsi è prevista una verifica finale per i partecipanti, una cocktail competition aperta al pubblico.

Durante la cocktail competition, gli allievi del corso dovranno preparare un solo drink miscelato e decorato a piacimento, che verrà valutato da una giuria selezionata, composta da professionisti del settore dei pubblici esercizi. A seguire la premiazione del cocktail vincitore alla presenza dei rappresentanti dell'associazione territoriale e delle istituzioni locali, insieme alla consegna degli attestati di partecipazione. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie