Più frutta, semi, fibre, 2 merendine su 10 sono 'rich-in'

In dieci anni raddoppiati snack con nutrienti e farine integrali

Redazione ANSA ROMA

Un tempo la merenda era una sosta di gola e una ricarica di energia. Ora è un viaggio tra nutrienti benefici, come la chia e la frutta secca, farine integrali e fibre per digerire e raggiungere una sazietà healthy. Una tendenza in netta crescita: oggi il 23% del totale delle merendine italiane è "rich-in", con un rapporto percentuale raddoppiato (+107%) in dieci anni, secondo dati di Unione Italiana Food. Quello del "rich-in", prodotti alimentari ricchi di ingredienti o nutrienti benefici, è una delle principali tendenze che stanno riguardando il mercato alimentare italiano.

Secondo l'Osservatorio Immagino 2020 di GS1 Italy, gli alimenti che evidenziano nel pack la dicitura "integrale" nel 2019 sono cresciuti del +4,3%, mentre quelli che segnalano il contenuto di fibre sono aumentati del +6,3%. Una schiera di croissant integrali con frutta secca o a base cereali, semi di girasole e di chia, e merendine di pasta frolla integrale in grado di trainare l'intero settore dei prodotti alimentari "rich-in" in Italia. I dati dell'Osservatorio Immagino 2020 di GS1 Italy evidenziano, in Italia, nel 2019, una crescita del +4,3% delle vendite a valore dei prodotti alimentari riportanti la dicitura "integrale" e del +6,3% per i prodotti che risaltano in etichetta il contenuto di fibre. Con i risultati migliori messi a segno proprio dalle merendine italiane. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie