Sequenza sismica nella zona di Benevento

Scosse di magnitudo fino a 3,2

Redazione ANSA

Una sequenza sismica è in atto nella zona di Benevento, con una ventina di terremoti registrati dal 21 al 25 novembre dalla Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) tra i comuni di Ceppaloni, San Leucio del Sannio, e Apollosa.

Alle ore 16,00 del 25 novembre 2019 gli eventi principali sono stati il terremoto di magnitudo 3.2 delle ore 11:27, con epicentro a Ceppaloni, quello di magnitudo 3.1 delle ore 12:15, a San Leucio del Sannio e quello di magnitudo 3.0 delle 12:35 in zona San Leucio del Sannio. In questi giorni e soprattutto nelle ultime ore, rileva l'Ingv, "altri eventi sismici sono stati registrati dalle stazioni della Rete Sismica Nazionale, ma non è stato possibile localizzarli in quanto troppo locali e di bassissima energia. Ricordiamo infatti che per ottenere una localizzazione affidabile è necessario che l'evento sia registrato da almeno 3 stazioni sismiche".

L'area interessata da questa sequenza, rileva l'Ingv, "si colloca in una zona a pericolosità sismica da alta a molto alta, nonostante, nel corso dell'ultimo millennio, non risultino eventi sismici epicentrali particolarmente rilevanti".

Nella provincia di Benevento, soprattutto l'area a Nord-Est e Nord-Ovest del capoluogo è stata interessata nel passato da terremoti di magnitudo superiore a 7. I maggiori terremoti storici localizzati entro i confini provinciali sono quelli del 5 giugno 1668 (Magnitudo 7.06), del 14 marzo 1702 (magnitudo 6.56) e del 21 agosto 1962 (6.15), che hanno tutti avuto origine nei settori della catena appenninica settentrionale e orientale della provincia stessa.

La storia sismica delle località nell'area direttamente interessata dalla sequenza in corso è invece molto lacunosa. La segnalazione più antica risale al terremoto del 5 giugno 1688, quando Ceppaloni subì effetti pari al nono grado della scala Mercalli-Cancani-Sieberg (MCS). Il terremoto del 21 agosto 1962 ebbe effetti valutati pari al grado 7 e 8 della scala MCS a Beltiglio (frazione di Ceppaloni), al grado 8 a San Leucio del Sannio e al grado 6 a Ceppaloni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA