Si prepara Ariel, l'occhio europeo sugli esopianeti

Al via la fase di realizzazione, Italia in prima fila

Redazione ANSA MILANO

Dopo cinque anni di studi preliminari, entra ufficialmente in fase di realizzazione la missione Ariel dell'Agenzia spaziale europea (Esa) il cui lancio è previsto nel 2029 per studiare l'atmosfera di almeno mille pianeti esterni al Sistema solare grazie a un telescopio realizzato in Italia. Lo annuncia una nota congiunta dell'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), che sosterranno e coordineranno il contributo italiano alla missione. Della squadra faranno parte anche l'Università di Firenze, l'Istituto di Fotonica e Nanotecnologie del Cnr di Padova e l'Università Sapienza di Roma.

Nei prossimi mesi l'Esa inviterà le aziende del settore a presentare proposte per la realizzazione del veicolo spaziale, con l'assegnazione del contratto industriale attesa per la prossima estate.

La missione Ariel (Atmospheric Remote-Sensing Infrared Exoplanet Large-survey) è stata sviluppata da un consorzio di oltre 50 istituti di 17 nazioni europee, con il supporto esterno della Nasa. Osserverà un campione variegato di esopianeti (da giganti gassosi a pianeti di tipo nettuniano, super-Terre e pianeti terrestri) nelle frequenze della luce visibile e dell'infrarosso.

Sarà la prima missione spaziale a realizzare un 'censimento' della composizione chimica delle atmosfere dei pianeti esterni al Sistema Solare, fornendo indizi fondamentali per comprendere la formazione e l'evoluzione dei pianeti fuori dal Sistema solare, inquadrare il ruolo del nostro sistema planetario nel contesto cosmico e affrontare i complessi quesiti sull'origine della vita nell'Universo. L''occhio' di Ariel, un telescopio con uno specchio ellittico di un metro di diametro, sarà realizzato in Italia, così come l'elettronica di bordo. Scomponendo la luce in tutti i suoi 'colori' mediante gli spettrometri di bordo, sarà possibile identificare gli elementi chimici presenti nelle atmosfere degli esopianeti. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA