ExoMars: dal lander Schiaparelli una lezione per la missione del 2020

Rapporto Esa conferma analisi Commissione interna

Redazione ANSA

Dall'errore che il 19 ottobre 2016 ha fatto precipitare il lander Schiaparelli arriva una lezione per condurre in sicurezza le operazioni della seconda parte della missione ExoMars, prevista nel 2020. E' quanto emerge dal rapporto pubblicato dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa).

Il documento, redatto da una Commissione esterna, conferma le conclusioni raggiunte nel dicembre 2016 dalla Commissione interna dell'Esa, secondo le quali l'incidente era stato causato da misure fuori scala prodotte dall'Unità di misura inerziale (Imu) che controlla assetto e accelerazione. Un errore durato solo un secondo che ha fatto precipitare sul suolo di Marte da un'altezza di 3,7 chilometri: quando ha acceso l'altimetro ha interpretato male i dati.

Su questa base il rapporto raccomanda di migliorare test e analisi relative a questo tipo di errori. "Probabilmente nel caso di Schiaparelli i modelli dinamici non erano stati abbastanza realistici e questo ha portato a sottovalutare la configurazione dell'unità", ha commentato il direttore delle operazioni di volo delle missioni dell'Esa, Paolo Ferri. "Il software - ha proseguito - non era stato programmato in modo da essere sufficientemente robusto per questo tipo di errore: si è fidato ciecamente dei valori ricevuti ed è arrivato alle conclusioni sbagliate.

Non è possibile accusare un solo elemento: c'è stata una catena di decisioni. Se l'errore fosse durato meno di un secondo, probabilmente Schiaparelli sarebbe atterrato bene, ma in quel caso - ha concluso Ferri - non sarebbe stato possibile scoprire la catena di debolezze".

Le conclusioni del rapporto della Commissione esterna dell'Esa, ha rilevato Ferri, sono così chiare da mettere fine anche alle polemiche relative ai mancati test di caduta: "test del genere non avrebbero scoperto il problema: il tipo di dinamica che ha stimolato alla sequenza di eventi non sarebbe stato simulato".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA