In oltre 2 milioni hanno seguito il National Geographic Festival delle Scienze

Record di pubblico per l'edizione 2020, in gran parte online

Redazione ANSA

Si chiude con più di 2 milioni di partecipanti, 250.000 utenti unici e un totale di 500.000 pagine visualizzate la 15/a edizione del National Geographic Festival delle Scienze. L’edizione 2020, che si è conclusa domenica 29 novembre, si è svolta interamente on line, a causa delle restrizioni sanitarie dovute alla pandemia di Covid-19. Un risultato, spiegano gli organizzatori del festival, prodotto dalla Fondazione Musica per Roma con la partnership culturale di Codice Edizioni, che testimonia l’interesse profondo per la scienza, trasversale tra le generazioni.

“Abbiamo onorato il tema di questa edizione, Ottimismo e Scienza, nella consapevolezza di guardare al presente con gli occhi del futuro”, afferma Vittorio Bo, direttore del festival. “La programmazione online, iniziata già nel giugno scorso, ha consentito di creare una ricchissima libreria scientifico-divulgativa, che verrà continuamente arricchita e aggiornata anche dopo i giorni della manifestazione”, precisa Bo.

Secondo gli organizzatori, gli oltre 130 appuntamenti hanno avuto circa 300.000 visualizzazioni tra dirette Facebook e YouTube, per un totale di 8.500 ore di riproduzione dei contenuti video.

“Questa edizione è stata al contempo un’avventura e una sfida”, ha commentato Daniele Pitteri, amministratore delegato della Fondazione Musica per Roma. “Già in primavera, di fronte all’emergenza, ci siamo trovati nella necessità di rivedere il formato del festival, che abbiamo sin da subito intuito dovesse svilupparsi, a partire dal 2020 e per il futuro, mescolando modalità di fruizione digitali e in presenza. Adesso - conclude Pitteri - la partecipazione, superiore alle nostre aspettative, e gli apprezzamenti ricevuti dal pubblico, ci hanno dato ragione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA