Le barriere coralline sanno reagire al riscaldamento globale

La loro biodiversità è destinata a cambiare, ma non a ridursi

Redazione ANSA

Le barriere coralline sono in grado di reagire al riscaldamento globale: le stime, basate sull'analisi delle specie che le popolano attualmente, indicano che la loro biodiversità è destinata a modificarsi ma non a ridursi. Lo indica la stima elaborata dall'università delle Hawai a Manoa e pubblicata sulla rivista dell'Accademia delle scienze degli Stati Uniti, Pnas.

Lo studio ha verificato infatti che le specie che dominano le comunità della barriera corallina si stanno modificando per via del cambiamento climatico, ma ciò non significa che in futuro vi sarà un calo della biodiversità complessiva per via del riscaldamento e dell'acidificazione previsti per la fine del secolo.

"Più che il collasso della biodiversità degli oceani, abbiamo osservato dei cambiamenti significativi nell'abbondanza di alcune specie, con una redistribuzione delle comunità della barriera", osserva la coordinatrice dello studio, Molly Timmers. "I minuscoli organismi che vivono nella struttura della barriera corallina - prosegue - sono noti come cryptobiota, che sono l'analogo degli insetti della foresta pluviale e hanno un ruolo fondamentale nel ciclo di nutrienti, cristallizzazione e le dinamiche della catena alimentare".

Nonostante la sua importanza, il cryptobiota è stato spesso sottovalutato nella ricerca sul cambiamento climatico per via delle difficoltà nell'identificare tutti gli organismi che lo compongono. Per valutare la sua risposta alle future condizioni degli oceani, il gruppo di Timmers ha condotto un esperimento in un acquario che riproduceva tutto l'ecosistema della barriera corallina, con acqua marina della barriera hawaiana, e le condizioni di riscaldamento e acidificazione previste per gli oceani alla fine del secolo. Dopo 2 anni, i ricercatori hanno esaminato i gruppi di organismi che si erano sviluppati, vedendo che il numero totale di specie non era cambiato, ma era variata la composizione delle varie comunità. "E' il primo studio a esaminare la diversità dell'intera comunità della barriera corallina - aggiunge Chris Jury, uno dei ricercatori - dai microbi alle alghe, fino ai coralli e pesci".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA