Parla anche italiano il premio ai migliori fisici del mondo

Medaglia Dirac ai pionieri della teoria delle stringhe

Redazione ANSA

Va a tre fisici teorici, pionieri della teoria delle stringhe, la medaglia Dirac 2020 assegnata ogni anno dal Centro Internazionale di Fisica Teorica 'Abdus Salam' (Ictp) di Trieste. Si tratta di Andre Neveu, dell'Università di Montpellier, Pierre Ramond, dell'Università della Florida e Miguel Virasoro, argentino che ha svolto la maggior parte del suo lavoro in Italia e ora è docente dell'Università La Sapienza di Roma.

Il premio gli è stato assegnato "per i contributi pionieristici all'ideazione e alla formulazione della teoria delle stringhe", che descrive la materia come composta da oggetti microscopici unidimensionali, chiamati stringhe, che possono essere viste come minuscoli filamenti di energia, che vibrano seguendo diversi schemi.

La teoria delle stringhe tenta di mettere insieme la teoria generale della relatività di Einstein, che descrive la gravità, e la meccanica quantistica, che descrive gli elementi fondamentali della materia. E' applicata in vari campi e ha favorito importanti sviluppi nella matematica pura. Il lavoro di Virasoro "è stato molto importante perché ha permesso di completare dei calcoli che prima di allora non erano possibili", commenta Giorgio Parisi, presidente dell'Accademia dei Lincei e membro del comitato di selezione della medaglia Dirac.

Andre Neveu e Pierre Ramond hanno ampliato questi lavori, estendendo i calcoli per includere l'altra porzione di materia, quella costituita da fermioni. "Questi lavori hanno avuto importanza cruciale nella teoria delle stringhe - conclude Parisi - già anni prima che gli scienziati si rendessero conto che queste formulazioni potevano effettivamente descrivere le stringhe".

La medaglia Dirac dal 1985 viene assegnata ai migliori fisici del mondo, molti dei quali hanno vinto premi Nobel, medaglie Fields o premi Wolf. La cerimonia di premiazione avrà luogo nel 2021.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA