Onde gravitazionali, da Italia e Stati Uniti osservazioni 'emozionanti'

Prime indiscrezioni ma nessuna conferma ufficiale, inizia l'attesa

Redazione ANSA

"Molto emozionante": così i ricercatori coinvolti nella ricerca sulle onde gravitazionali commentano la prima campagna di osservazione congiunta fatta dall'osservatorio americano Ligo e da Virgo, il rivelatore dell'Osservatorio Gravitazionale Europeo (Ego) che si trova in Italia, a Cascina (Pisa) e a quale l'Italia partecipa con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn). Nel frattempo sui social e sulla stampa specializzata hanno già cominciato a viaggiare le prime indiscrezioni, come quella del primo segnale proveniente da una coppia di stelle di neutroni, ma su queste voci non ci sono commenti né conferme da parte dei ricercatori di Ligo e Virgo.

Il primo agosto 2017 per la prima volta i due osservatori per le onde gravitazionali hanno lavorato insieme attraverso l'Atlantico come un unico grande strumento e questo primo periodo di ricerca congiunto si chiude oggi. Nell'analisi preliminare, dicono i ricercatori di Ligo e Virgo in una nota congiunta, "sono stati identificati alcuni candidati promettenti" e questi dati preliminari sono stati condivisi con "alcuni partner della comunità astronomica".

Al momento, proseguono i ricercatori, "stiamo lavorando a pieno ritmo per verificare che i candidati siano effettivamente eventi di onde gravitazionali": è un lavoro intenso e difficile, che richiederà ancora molto tempo e che i ricercatori intendono comunicare solo quando l'analisi dei dati porterà a risultati affidabili. "Vi faremo sapere - concludono - non appena avremo informazioni pronte per essere condivise con il grande pubblico".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA